:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Giornata Aids, test e preservativi gratuiti per fare prevenzione

Test gratuito, distribuzione di preservativi a marchio Coop, spettacoli teatrali: numerose le iniziative che Lila organizza per la giornata mondiale (1 dicembre), da Catania a Torino. Fino al 6 dicembre campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi con Sms solidale

26 novembre 2015

ROMA - Test gratuito, distribuzione di preservativi a marchio Coop donati dall'azienda italiana, spettacoli teatrali e serate in discoteca. Sono numerose le iniziative che Lila - Lega italiana per la lotta contro l'Aids organizza in occasione della giornata mondiale (1 dicembre) per sensibilizzare la cittadinanza e fare prevenzione su questo tema. Da Catania a Torino si susseguiranno diversi eventi con un unico obiettivo: promuovere la conoscenza dell'Hiv e la prevenzione, soprattutto tra i ragazzi. Le iniziative sono realizzate con il contributo di Coop che, per l'occasione, ha donato alla Lila 25mila preservativi a suo marchio, che saranno distribuiti gratuitamente insieme al materiale informativo dell'associazione. In Italia, Coop è l'unica catena della grande distribuzione che ha incluso il profilattico nei propri prodotti a marchio, vendendolo quindi a un prezzo al pubblico inferiore alla media. Per Lila si tratta di un “un passo importante per favorire la prevenzione, soprattutto tra i giovani”. A un anno da suo lancio, sono stati venduti oltre 1 milione di condom "Falloprotetto!" anche grazie al prezzo, dal 30 al 50% inferiore a quello media delle marche leader.

Nelle sedi di Bari, Bologna, Catania, Milano, Piemonte e Trentino l’organizzazione inoltre organizza “Giornate di Test gratuito”. Si userà il test rapido grazie al quale è possibile sapere nel giro di poche decine di minuti se si è contratto il virus dell'Hiv e attivarsi quindi per le cure e l'adozione di comportamenti corretti per prevenire la trasmissione ad altre persone. Ancora oggi troppe poche persone in Italia non sanno dell'esistenza dei test rapidi, sottolinea la Lila. Per questo, fino al 6 dicembre, l’associazione promuove la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi con Sms solidale al 45504 "Fatti un regalo: fai il test!" con la quale intende diffondere la conoscenza del test rapido salivare e renderlo accessibile presso le proprie sedi locali o in contesti non convenzionali e in orario serale o durante il week-end. Testimonia della campagna Fatti un regalo, fatti il fest!  è la cantante Nina Zilli. "L’Hiv colpisce in modo silenzioso ancora troppe persone e continuare a parlarne per alzare il livello di attenzione soprattutto fra i giovani è doveroso, non solo in occasione del 1° dicembre. - sottolinea  - Ancora troppi ragazzi sottovalutano i rischi di infezione, non sono informati sulla necessità della prevenzione e non sanno che in pochi minuti, grazie a un semplice test, si può scoprire di aver contratto il virus oppure no. Per prevenire la diffusione dell’AIDS, fare il test HIV è fondamentale! Per questo ho scelto di sostenere Lila che organizza giornate di test gratuito e supportaragazzi e ragazze positivi all’Hiv". 

Aver contratto l’Hiv e non esserne a conoscenza è più frequente di quanto si pensi. Si stima che nel nostro Paese a esserne inconsapevoli siano dal 13 al 40% in più delle oltre 94.000 già accertate, per un totale di 100/150mila persone (Istituto Superiore di Sanità). Un dato che va di pari passo con quello secondo cui in Italia oltre il 50% delle persone scopre di avere contratto l’Hiv in una fase molto avanzata dell’infezione. "Ma non sapere di aver contratto il virus costituisce un duplice rischio: - spiega la Lila - per se stessi, perché si giunge tardi alle terapie antiretrovirali, e per gli altri, perché si può contribuire a diffondere il contagio. Diagnosticare l’infezione da HIV in fase precoce è quindi fondamentale".

© Copyright Redattore Sociale

Tag: giornata mondiale Aids, Lila, Hiv/Aids

Ti potrebbe interessare anche…

Stampa Stampa