:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Firenze, 30 cooperanti si incontrano nel raduno di Cospe

La ong toscana ha organizzato un meeting tra i suoi cooperanti provenienti da tutto il mondo dal 7 al 9 gennaio all’istituto Gould

06 gennaio 2016

FIRENZE -  Si apre con un raduno di tutti i cooperanti, il 2016 di Cospe: dal 7 al 9 gennaio  circa 30 espatriati e responsabili delle sedi estere dell'associazione si incontreranno all’istituto Gould di Firenze insieme ai colleghi delle sedi italiane (Firenze, Bologna, Padova, Ancona e Genova) e ai volontari.

E' la prima volta negli ultimi 10 anni che Cospe organizza un'occasione di incontro tra i collaboratori che lavorano in 23 diversi paesi del mondo e tutto il personale e i volontari italiani. L'obiettivo è condividere le nuove sfide che i cambiamenti climatici, i conflitti e i nuovi scenari internazionali pongono e darsi nuovi piani di lavoro per i prossimi due anni sui temi su cui COSPE lavora da più di trent'anni: diritti delle donne, la protezione dell'ambiente, il diritto al cibo e all’acqua e la promozione dell’interculturalità. 

 “Un’occasione unica che abbiamo voluto con forza perché le relazioni tra la sede e le 23 sedi estere in tutto il mondo, siano sempre più strette e meno virtuali possibili – dice il neo presidente Giorgio Menchini , che a lungo nella sua vita è stato cooperante proprio per Cospe – e perché la nostra è un’associazione di persone che lavora con le persone e la dimensione umana e di incontro è fondamentale oltre che arricchente sul piano professionale”. 

In programma sessioni tematiche aperte su democrazia e partecipazione e sui cambiamenti climatici. Tra gli ospiti: Anna Lodeserto, ricercatrice ed esperta di politiche migratorie, Giovanni Ruffini, direttore di Amnesty international,  Francesco Martone di Forest peoples programme. 

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa