:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

In primo piano:
European drug report 2016

31/05/2016

Blog
Stampa Stampa

Sindrome da “cover”: l’illusione di risolvere problemi nuovi con ricette vecchie

FILO SPINATO

Di fronte a fenomeni totalmente inediti come la necessità di convivere quotidianamente con persone di culture diverse, non riusciamo ad “inventare” nulla: lo sforzo creativo per trovare soluzioni efficaci sta cedendo il passo alla logica della minestra riscaldata

11 gennaio 2016 dal blog FILO SPINATO di Amedeo Piva

Nel lessico musicale il termine “cover” indica una replica, una reinterpretazione di un brano già noto fatta da qualcuno diverso dall’interprete originale. Esistono un sacco di cover anche fuori del mondo musicale: nell’abbigliamento, nell’architettura, negli stili espressivi, anche nella politica e nell’economia e addirittura nelle ideologie e nelle religioni.

Siamo circondati da neomodernismo, neoliberismo, neocapitalismo, neopauperismo; pubblicizzano locali anni 50, abiti anni 70 e a Fiumicino c’è anche un bar che offre i cornetti “con il sapore degli anni 60”! Eppure, se ci sono cose da copiare, ci sarà anche stato un momento in cui quelle cose erano nuove, originali e si presentavano come soluzioni inedite a problemi inediti! Qualcuno le avrà pure “inventate”!

Oggi di fronte a problemi totalmente nuovi come - ad esempio - quelli nati dalla globalizzazione e dalla necessità di convivere quotidianamente con persone di culture diverse, non riusciamo ad “inventare” soluzioni nuove e adeguate. Oscilliamo goffamente tra nostalgie neonaziste e caritatevoli buonismi (neobuonismi?)

Ho sempre più spesso la sensazione che l’originalità non sia più percepita come un valore, che lo sforzo creativo per trovare soluzioni efficaci, proposte e argomenti nuovi stia cedendo il passo alla logica della minestra riscaldata rincorrendo inutilmente una replica del mondo “come era una volta”, un’età aurea in cui tutto era migliore.

Sembra quasi che vogliamo rassicurarci che in fondo non c’è niente di così nuovo, che non c’è da preoccuparsi… e invece è proprio questo che mi preoccupa, proprio il pensare che sia possibile risolvere, senza la fatica e il rischio della creatività, problemi nuovi con ricette vecchie.

Ho letto che la Fiat, dopo la nuova 500, ha lanciato la nuova Tipo e presto ci sarà anche la nuova 124… comincio a temere la nuova Balilla.

Buon anno nuovo, ma davvero nuovo, non vorrei fosse una cover del 2015.

vai al blog FILO SPINATO

© Copyright Redattore Sociale

Tag: intercultura, Immigrazione, Amedeo Piva

Stampa Stampa
comments powered by Disqus