:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

In primo piano:
European drug report 2016

31/05/2016

Stampa Stampa

Scuola, per gli alunni in Campania spazio alla "lezione capovolta"

Si chiama "flipped class" il modello di didattica alternativo che si sperimenta a Giugliano in due classi, una prima e una terza. Si studia a casa grazie a supporti on line e il tempo in classe è dedicato al confronto con docenti e compagni, per un apprendimento partecipativo

15 gennaio 2016

ROMA - Si chiama "flipped class", ovvero "lezione capovolta", ed è un modello di didattica alternativo, in cui i contenuti si studiano a casa, grazie a supporti disponibili on line, mentre il tempo di lavoro in classe e' dedicato esclusivamente al confronto con il docente, al dibattito con i compagni e all'approfondimento. Da quest'anno, la nuova didattica e' di casa all'Istituto Tecnico Superiore "Luigi Galvani" di Giugliano in Campania dove si studia cosi' in due classi, una prima e una terza.

L'esperimento, al quale i docenti hanno aderito su base volontaria, e' attivato per tutte le materie e coinvolge classi "eterogenee, con ragazzi di tutti i tipi: motivati, meno motivati, disabili, immigrati- spiega all'Agenzia Dire il preside Giuseppe Pezza - siamo convinti che l'apprendimento sia un processo collettivo, partecipativo, cioe' che si impari insieme".

I vantaggi di questo modello? Il primo e' di natura economica: "i costi per i libri delle superiori possono arrivare a 500 euro, con questo sistema le famiglie spendono la meta', cioe' i 250 euro necessari per l'acquisto di un notebook". L'obiettivo principale della "flipped class", pero', e' un altro. Il dirigente auspica "risultati migliori basati sul maggior entusiasmo dei ragazzi". Il numero di domande di iscrizione alle due classi sperimentali, infatti, e' stato superiore ai posti disponibili, anche se, per un primo bilancio dell'esperienza, Pezza invita alla cautela: "a soli tre mesi dall'avvio delle lezioni, in un anno 'particolarmente tormentato', e' difficile dire se le cose vanno bene o male, e proprio stamattina ho dovuto affrontare alcuni problemi tecnici, che ogni tanto ci sono". (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

Ti potrebbe interessare anche…

Stampa Stampa