:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

In primo piano:
European drug report 2016

31/05/2016

Stampa Stampa

Carolina, scrittrice con la sindrome Down: “Siate felici come lo sono io”

A parlare è Carolina Raspanti, 32enne di Conselice (Ravenna), al suo secondo libro autobiografico: “Ho la sindrome di Down, ma personalmente non mi pesa nemmeno un po". "Io ho tutto dalla vita, e voglio aiutare chi è meno fortunato di me"

21 gennaio 2016

Carolina Raspanti
Carolina 3

BOLOGNA – “Ho deciso di scrivere un libro per raccontarmi, per dare una mia testimonianza. Per parlare alle nuove generazioni, per dir loro che la vita è bella, che va vissuta fino in fondo”. Carolina Raspanti, scrittrice romagnola di 32 anni, racconta così la sua ispirazione. “Voglio incoraggiare i giovani d’oggi a essere felici come lo sono io. Perché io sì, ho raggiunto la felicità completa, e vorrei che fosse lo stesso per loro”.

La copertina del libro
Carolina 2

Carolina Raspanti abita a San Patrizio, frazione di Conselice, provincia di Ravenna. Abita con Carla e Rodolfo, i suoi genitori, ed è figlia unica (“Ma ho comprato una casa a Lugo – specifica –. Spero di poterci andare a vivere da sola prima o poi”). Carolina ha la sindrome di Down, “ma personalmente non mi pesa nemmeno un po’. Non mi pesa anche perché tutte le persone che mi stanno intorno non me lo fanno pesare, per loro non è mai stato un problema”, spiega. Dopo il diploma con 89/100 all’I.P.S. Ernesta Stoppa di Lugo (indirizzo operatore turistico), da 9 anni lavora a un ipermercato di Lugo: “È la mia passione, per me è sacro. Sto benissimo con i miei colleghi, ormai una seconda famiglia”. 

La passione per la scrittura, Carolina l’ha sempre avuta: “A scuola scrivere mi piaceva moltissimo. Purtroppo non avevo una bella calligrafia: alcuni miei compagni mi prendevano in giro per questo, ma non mi è mai interessato. Per un po’ ho lasciato perdere, ma finito il percorso scolastico ho trovato il mio equilibrio. Mi sono sentita pronta per riprendere in mano la scrittura, e ho ricominciato a studiare con maggiore cognizione di causa tutti i libri di testo che avevo utilizzato in classe”. - Il primo libro si intitola ‘Questa è la mia vita’: una vera e propria biografia, “dove racconto di me, della scuola, del lavoro, della mia famiglie e dei miei amici. Racconto i miei alti e bassi, e la mia realizzazione. Ho cominciato a scriverlo a 21 anni, è stato pubblicato nel 2013, quando ne avevo 27. È stato un lavoro lungo, ma bellissimo”. Il secondo libro, uscito la scorsa estate, è ‘Incontrarsi e conoscersi: ecco il mondo di Carolina’. “È un libro molto diverso dal primo: parlo dei miei viaggi e spiego il mio punto di vista sul mondo di oggi”. Un mondo letto attraverso gli occhi disincantati ma positivi della ragazza, che nelle pagine affronta tutti i temi che riempiono le agende politiche: dalla violenza sulle donne allo stalking; dall’omofobia al bullismo, passando per il razzismo. Le due prefazioni sono del pedagogista Andrea Canevaro, che nella prima scrive: “Chi leggerà potrà crescere. Potrà rendersi conto che gli stereotipi con cui le diversità sono considerate sono falsi”. 

Carolina mentre firma autografi
Carolina 1

Entrambi i libri sono stati stampati e rilegati dalla cooperativa sociale Lo Stelo di Cervia – che da 30 anni si occupa di giovani con disabilità – a cui Carolina ha scelto di devolvere tutto il ricavato delle vendite: “Io ho tutto dalla vita, e voglio aiutare chi è meno fortunato di me”. Dall’uscita del primo libro, Carolina attraversa l’Italia per le presentazioni. Il terzo volume è già in cantiere? “Al momento no, considero la mia esperienza di scrittrice di libri conclusa. Forse un giorno, quando sarò anziana, chissà. Per ora, quel che è certo, è che io continuerò a scrivere in altre forme”. 

Provando a fare un bilancio, qual è la soddisfazione più grande? “Bella domanda – sorride Carolina, mentre prende tempo al telefono –, ho avuto talmente tanto. Tutto sommato, credo che la mia soddisfazione più grande sia quella che do tutti i giorni ai miei genitori e ai miei amici. Non smetterò mai di ringraziarli, per tutti i valori che mi hanno trasmesso. E poi, i rapporti umani: un sorriso, un abbraccio, uno sguardo. È questo il segreto della felicità”. (Ambra Notari)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Disabilità, Sindrome Down

Stampa Stampa