:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

In primo piano:
European drug report 2016

31/05/2016

Stampa Stampa

Lavoro, boom di giovani aspiranti agricoltori

Tantissime richieste al bando della regione Toscana sull’aiuto all’avviamento di imprese per giovani agricoltori, tanto che la giunta ha alzato le risorse a 100 milioni di euro

22 gennaio 2016

- FIRENZE – E' un vero e proprio boom di domande di giovani, uomini e donne, che hanno scelto l'agricoltura per il loro futuro. E la giunta regionale toscana ha deciso di premiare l'entusiasmo e la voglia di investire dei giovani toscani. In risposta al bando, chiuso il 16 novembre scorso, intitolato "Aiuto all'avviamento di imprese per giovani agricoltori - Pacchetto Giovani – 2015", che fa parte anche del progetto Giovanisì, finalizzato a favorire il ricambio generazionale e destinato a giovani tra i 18 e 40 anni, sono arrivate ben 1761 domande (2014 i giovani complessivamente interessati), a fronte di uno stanziamento iniziale di 40 milioni di euro. Tre anni fa, quando la Regione aveva emanato un altro bando destinato ai giovani agricoltori, le domande arrivate erano state 634, e già quel numero era stato giudicato "straordinario".

A fronte del vero e proprio boom di domande di questa edizione la giunta regionale ha deciso pertanto nella sua ultima seduta di alzare quanto più possibile il plafond a disposizione, portandolo a 100 milioni, in modo da accogliere 686 domande, un numero superiore al doppio rispetto a quelle che sarebbe stato possibile finanziare con la dotazione iniziale (40 milioni). Con la stessa delibera con la quale la giunta regionale ha alzato a 100 milioni il plafond per il "pacchetto Giovani" in agricoltura sono stati destinati inoltre 13 milioni di euro, sempre a valere sul Programma di Sviluppo rurale 2014-2020, per la diffusione, l'installazione, il miglioramento e l'espansione di infrastrutture a banda larga nelle zone rurali.

I giovani toscani vogliono prima di tutto investire e ammodernare le aziende, quelle che in passato erano state magari dei genitori o dei nonni. In molti ampliano anche l'azienda di famiglia, prendendo in affitto terreni vicini, che spesso erano stati abbandonati. Secondo l'Irpet le 686 domande che verranno finanziate genereranno investimenti per 136,5 milioni. Il Pil aggiuntivo per la Toscana sarà di circa 75 milioni di euro, le unità di lavoro attivate inizialmente circa 1050 (circa 2500 con l'indotto) e il reddito disponibile distribuito alle famiglie e spendibile in consumi sarà di circa 25 milioni. In un triennio l'impatto positivo sul PIL stimato da Irpet sarà di circa 187 milioni di euro e le unità di lavoro attivate saranno 8253.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa