:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

In primo piano:
European drug report 2016

31/05/2016

Stampa Stampa

"Space shepherd", il nuovo metodo per salvare i profughi utilizzando i satelliti

Il Politecnico di Milano ha ideato una piattaforma software che incrocia i dati dei satelliti in orbita, permettendo di "vedere" anche piccole imbarcazioni. Si potrebbero così pattugliare meglio le coste e soccorrere più velocemente i naufraghi. Con costi minori rispetto a quelli sostenuti finora

25 gennaio 2016

- MILANO - Con l'algoritmo ideato dal Politecnico di Milano si potrebbero salvare più vite e risparmiare soldi. "Space shepherd" è la piattaforma software ideata da alcuni ricercatori dell'ateneo che permette di individuare le carrette del mare cariche di rifugiati intrecciando i dati dei satelliti già in orbita per scopi scientifici. “Il sistema ha un costo stimato di 1 milione di euro una tantum – spiega Francesco Topputo, capofila del progetto – a fronte dei 10 milioni di euro al mese spesi per le operazioni di Mare Nostrum. Al di là dei costi, va sottolineata l’impennata di efficienza che Space Shepherd garantirebbe alle operazioni di monitoraggio, tracciamento delle rotte dei migranti e soccorso. Ciò consentirebbe un pattugliamento intelligente delle coste, limitando drasticamente falsi allarmi e ricognizioni inutili che richiedono un dispiegamento ingente di uomini e mezzi”. 

La piattaforma software integra i sistemi di monitoraggio “da terra” con i segnali radar e ottici di satelliti civili. "Se i Governi europei, attraverso le Agenzie che controllano tali flussi di dati, ne consentissero l’utilizzo a questo scopo, Space Shepherd potrebbe essere immediatamente operativo come progetto pilota", spiegano i ricercatori. Il sistema elabora e integra i segnali ottici e radar inviati dai numerosi satelliti in orbita, catturando i dati elaborati nel corso del loro passaggio sul Mar Mediterraneo e combinandoli per ricostruire la presenza di barche non autorizzate. È in grado di “vedere” anche barche di soli cinque metri. (dp)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: profughi, migranti, Sbarchi

Stampa Stampa