:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

In primo piano:
European drug report 2016

31/05/2016

Stampa Stampa

Vaccinazioni obbligatorie per iscriversi a scuola: proposta parte dalla Toscana

Dopo il caso della piccola Lia, costretta a cambiare scuola, l’assessore Saccardi lancia l’idea: “Si tratta però di una decisione che deve essere presa a livello nazionale”. Possibilista l’ufficio scolastico regionale

02 febbraio 2016

FIRENZE – “Vaccinazioni obbligatorie per iscriversi a scuola”. E’  l’idea dell’assessore alla salute della Regione Toscana, Stefania  Saccardi, che lancia questa proposta dopo il caso di Lia, la bambina di Firenze che ha dovuto cambiare istituto perché, colpita da una  forma di immunodeficienza, non poteva frequentare le lezioni dato che  molti dei suoi compagni di classe non erano vaccinati. “Più leggo la storia di Lia e più sono convinta che dovremmo ritornare  all’obbligo delle vaccinazioni per iscriversi a scuola” ha detto  Saccardi, che poi ha aggiunto: “Si tratta però di una decisione che  deve essere presa a livello nazionale”.

In tale ottica, Saccardi ha già preso contatti con i vertici del suo  partito, il Pd, per promuovere l’iniziativa. “Mi rivolgo ai genitori  che hanno scelto di non vaccinare i propri figli perché male informati  da chiacchiere prive di fondamento - ha detto Saccardi - quanti di voi  sanno che a Stoccolma è tornata la difterite e che in Germania un  bambino è recentemente morto di morbillo? È grazie alla vaccinazione  se nel nostro Paese non si registrano casi di difterite da anni. I  vaccini proteggono i vostri figli e proteggono i bambini che non  possono vaccinarsi per immunodeficienze. Per questo in Toscana faremo una campagna di comunicazione, per dire che la scelta giusta è quella  del vaccino e che l’unico interesse che sta dietro alle vaccinazioni è  quello della salute di tutti, dei bambini in particolare”.

Possibilista su questa proposta anche l’ufficio scolastico regionale  della Toscana, che dice: “Come precisa anche l’assessore: si tratta di  problematiche (anche di natura costituzionale) per cui non può non  essere coinvolto il livello nazionale”.

© Copyright Redattore Sociale

Tag: vaccini , Toscana, scuola

Stampa Stampa