:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Dall'Iran all’Italia, il "Muro della gentilezza" arriva anche a Parma

Un filo appeso a un muro, con appesi dei sacchetti contenenti indumenti, cibo, scarpe, libri, medicinali per i senza dimora. L’iniziativa di solidarietà del basso partita dall'Iran sbarca in Emilia. A Parma i pacchetti per le persone in difficoltà si spostano in borgo delle Colonne. Con un invito: “Amico vigile...Tolasudolsa”

03 febbraio 2016

PARMA - Prima era apparso in via D’Azeglio, poi si è spostato in borgo delle Colonne. A Parma, il Muro della gentilezza è tornato. Di cosa si tratta? Di un filo appeso a un muro, sotto ai portici, con appesi dei sacchetti contenenti indumenti, cibo, scarpe, libri, medicinali. Sopra, un cartello, scritto in tante lingue (dall’arabo all’inglese, dal francese al dialetto parmigiano): “Se non ne hai bisogno, lascialo. Se ti serve, prendilo”. Doni – rigorosamente anonimi – per le persone in difficoltà, magari infreddolite, oppure affamate. Chi lo desidera, può lasciare appeso qualcosa; chi ha bisogno, può prendere quello che gli serve, senza chiedere nulla. L’importante, è che tutto sia impacchettato per bene e con cura, in modo che si mantenga in buono stato.

Muro della gentilezza Parma 1

Come anticipato, il primo Muro della gentilezza nella città emiliana era apparso qualche giorno fa sotto i Portici dell’Ospedale Vecchio, ma ha avuto vita breve: i vigili urbani, in aperta polemica con i cittadini che chiedevano di non toccare nulla, l’hanno rimosso. Poche ore fa, il suo ritorno: oltre al filo e all’invito nelle diverse lingue, anche un messaggio ben preciso: “Amico vigile...Tolasudolsa” – tipica espressione parmigiana per dire ‘prendila con serenità’ – e un appunto: “I muri di solito dividono, questo unisce. Non toglietelo!”.

Muro della gentilezza Parma 2

L’idea del Muro della gentilezza (Wall of kindness) è venuta lo scorso ottobre a un cittadino di Mashhad – capitale del Razavi Khorasan, nel nord-est dell’Iran, a un centinaio di chilometri da Teheran – che ha appeso a un muro, dopo un mano di vernice colorata, qualche gruccia con vestiti usati, con un cartello: “Se non ne hai bisogno lascialo. Se ne hai bisogno prendilo”. Di lì a poco sono apparsi giacche, scarpe e vestiti in tante altre città iraniane, grazie anche al passaparola sui social, con l’hashtag #WallOfKindness, e alla contributo del quotidiano locale Hamshahri.

Muro della gentilezza Parma 3

I Muri della gentilezza si sono moltiplicati nella capitale, dove il numero di senzatetto è in costante aumento (fonti ufficiali parlano di almeno 15mila persone, ma c’è chi ritiene che il totale sia molto più alto). E dopo poche settimane, l’iniziativa è sbarcata in Cina, Brasile e anche in Emilia. (Ambra Notari)

© Copyright Redattore Sociale

Ti potrebbe interessare anche…

Stampa Stampa