:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

In primo piano:
European drug report 2016

31/05/2016

Stampa Stampa

L’Italia apre il corridoio umanitario delle associazioni: mille migranti in arrivo

Oggi a Fiumicino l'arrivo di Yasmine e sua figlia Falak, profughe siriane, grazie all'iniziativa di Sant'Egidio, Chiese Evangeliche in Italia e Tavola Valdese. Nel corso dell’anno un migliaio di altri profughi arriveranno in modo sicuro e legale. Impagliazzo: "La porta è finalmente aperta"

04 febbraio 2016

Yasmine e Falak. Foto: www.santegidio.org
Yasmine e Falak - profughe siriane

ROMA - Sarà un giorno importante per Yasmine e sua figlia Falak. Saranno loro, profughe della guerra in Siria, le prime persone ad arrivare dal Libano in Italia con i corridoi umanitari, senza essere costrette ai “viaggi della morte” nel Mediterraneo. Ma sarà un giorno importante anche per tutti coloro che credono nell’accoglienza e nell’integrazione: un arrivo a cui seguirà – nelle prossime ore – quello della loro famiglia e, nel corso dell’anno, di un migliaio di altri profughi, in modo sicuro e legale. - Raggiungeranno infatti il nostro Paese grazie all’accordo firmato il 15 dicembre scorso da Comunità di Sant’Egidio, Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e Tavola Valdese con i Ministeri degli Esteri e dell’Interno.

"La porta è finalmente aperta. Con l'arrivo della prima famiglia si apre la strada anche a tutte le altre, che già stanno facendo il loro riconoscimento e fornendo le impronte digitali in Libano". Così Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant'Egidio ha commentato l'arrivo della prima famiglia di rifugiati siriani attraverso il corridoio umanitario. Il progetto a supporto della venuta è stato sostenuto anche dal Consolato Italiano a Beirut e da funzionari del ministero dell'Interno, ma le spese sono sostenute dalle associazioni.

Ad accogliere Yasmine e Falak all’aeroporto di Fiumicino saranno i responsabili delle organizzazioni che hanno promosso questo progetto, il primo del genere in Europa, rivolto a persone in condizioni di “vulnerabilità” (donne con bambini, anziani, malati, disabili) che attualmente vivono nei campi profughi di Libano, Marocco ed Etiopia. (DIRE)

Leggi i dettagli del progetto su Rs, l'Agenzia di redattore sociale

© Copyright Redattore Sociale

Tag: europa, immigrati, Comunità di Sant'Egidio, canali umanitari

Ti potrebbe interessare anche…

Stampa Stampa