:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

In primo piano:
European drug report 2016

31/05/2016

Stampa Stampa

‘Sognando Gianni Morandi’, un cortometraggio sulla vita indipendente delle persone Down

30 minuti per raccontare la vita di un gruppo di amici Down con la passione per la musica, soprattutto quella di Gianni Morandi. Al via una campagna di crowdfunding per la realizzazione del progetto, promosso dalla bolognese Associazione d’iDee

03 febbraio 2016

BOLOGNA – Giovanni ha 27 anni, un lavoro, tanti amici e una fidanzata, Elena, con la quale progetta il futuro. Abita a Bologna ed è molto attento all’eleganza. Ha due case: quella in cui vive durante la settimana con i suoi genitori e quella dove passa i weekend con Elena, ma anche con Giacomo, Agnese, Tobia, Costanza, Erica, solo per citarne alcuni. La sua seconda casa è la Casa delle iDee di via Saragozza, la struttura al centro dell’omonimo progetto di Associazione d’iDee: un percorso per la vita indipendente in cui giovani adulti con sindrome di Down si sperimentano in soggiorni di due giorni. Ogni weekend, con l’aiuto di educatori professionali, i ragazzi s’impegnano a costruire nuove competenze che li porterà un giorno a uscire dal nucleo famigliare per vivere in autonomia.

Giovanni ama la musica e il canto: ama cantare soprattutto le canzoni di Gianni Morandi, che per lui non è solo una persona famosa. È anche – e soprattutto – un cantante i cui testi hanno trovato posto nei discorsi di tutti i giorni. Già, perché Giovanni utilizza frasi intere del repertorio morandiano, anche come firma nelle e-mail. Morandi, però, non l’ha mai incontrato. ‘Sognando Gianni Morandi’ nasce così, per permettere a Giovanni e ai suoi amici di realizzare il loro sogno: cantare con Morandi. 

‘Sognando Gianni Morandi’ è un cortometraggio (guarda il trailer) che vuole raccontare il percorso di autonomia dei ragazzi di Associazione d’iDee (che da anni realizza servizi educativi a favore delle persone in situazione di disagio) a partire dal loro desiderio. - “Ciao Gianni, sono Giovanni e il mio più grande sogno è quello che tu venga qui a cantare una canzone insieme a noi”, dice il protagonista nel trailer. “Non sappiamo ancora se quello di Giovanni resterà un sogno, ma ovviamente ci piacerebbe che si realizzasse – dice Rosanna De Sanctis, presidente dell’associazione –. Quello che per noi è però più importante è mostrare il percorso che Giovanni e i suoi amici stanno vivendo nella casa che abitano da tempo ogni fine settimana. Una scommessa che li porta ogni giorno a fare un passo in avanti in un processo di crescita personale e sociale, uno sforzo importante di integrazione e condivisione che viene chiesto alla comunità dove vivono e lavorano”. 

Per la realizzazione del sogno di Giovanni, associazione d’iDee ha scelto di appoggiarsi a Idea Ginger, la piattaforma web di crowfunding territoriale (www.ideaginger.it). Diverse le formule per sostenere il progetto, con un sistema di “ricompense” a crescere: donando 10 euro si riceverà una foto digitale di Giovanni e di tutto il cast; con 20 euro si sarà citati nei titoli di coda; con 35 euro si otterrà una copia del video in dvd; con 50 euro il video con contenuti speciali; con 100 euro si diventa sostenitori gold; con 150 euro si avrà l’invito alla prima; con 200 euro si andrà poi a cena con il cast. Il video finale racconterà in 30 minuti la quotidianità di Giovanni e quella delle persone che ha intorno: “Per trasformare il sogno in realtà chiediamo l’aiuto dei cittadini”, aggiunge De Sanctis. ore 19 presso L’altro Spazio in via Nazario Sauro, 24f. (Ambra Notari)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Sindrome Down

Stampa Stampa