:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

‘Balkan Express’, a Firenze il festival sui Balcani

Organizzata da Oxfam Italia, la rassegna propone nove film sui temi dell’emergenza migratoria, del regime di Tito e della disabilità

22 febbraio 2016

FIRENZE - Nove film, tra anteprime nazionali e toscane, che rappresentano lo specchio di paesi - come la Croazia, la Serbia, l’Albania, il Kosovo e il Montenegro -  sospesi tra memoria e attualità. Dal 25 al 27 febbraio, torna allo Spazio Alfieri la quarta edizione del Balkan Florence Express, il festival di cinema balcanico promosso da Oxfam Italia, nell'ambito della campagna 'Adesso basta! I migranti non sono invasori', in collaborazione con Quelli della Compagnia.

Ospiti d’eccezione della rassegna, le attrici toscane Giusi Merli (interprete de La grande bellezza) e Daniela Morozzi, che venerdì 26 febbraio alle 19.30, saranno protagoniste di un suggestivo reading, di brani tratti del libro di Svetlana Broz, I giusti nel tempo del Male: tanti racconti in cui si intrecciano le straordinarie storie vere di chi, durante le guerre tra Croazia, Bosnia Erzegovina, Kosovo e Macedonia, ha avuto semplicemente il coraggio di dire no alla violenza contro il proprio vicino, per tendergli invece una mano.

Tanti i temi al centro della rassegna, tra attualità e storia recente: dall’emergenza migratoria lungo la rotta balcanica, al lato oscuro del regime di Tito, passando per storie familiari e individuali che ci parlano di disabilità, di passato che ritorna, di cadute e di riscatto. Un viaggio insomma, lungo diverse tracce, per raccontare al pubblico fiorentino le molte anime della cultura balcanica.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa