:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

In primo piano:
European drug report 2016

31/05/2016

Stampa Stampa

Reato di tortura, omofobia, unioni civili, armi e rom: ecco i diritti violati in Italia

Rapporto di Amnesty International. Sottolineato lo stallo in cui versano in Parlamento dei disegni di legge sul reato di tortura, nonché quello contro omofobia e transfobia. E sui migranti: “Le prassi adottate negli hotspot rischiano di tradursi in una disapplicazione di regole e garanzie”. In sintesi, le violazioni nel mondo

24 febbraio 2016

ROMA - Amnesty International nel suo Rapporto 2015-2016 prende in esame anche la situazione dei diritti umani in Italia. Un’analisi che mette in evidenza violazioni e insufficienti tutele.
L'Agenda in 10 punti di Amnesty International sui diritti umani in Italia, presentata all’inizio dell’attuale legislatura e sottoscritta da 118 parlamentari, vuole mettere in luce i principali ostacoli - legislativi, politici, culturali - al pieno rispetto dei diritti umani nel nostro paese e raccomandare misure finalizzate a porvi rimedio. “Le azioni poste in essere da governo e parlamento in relazione ai 10 punti dell’Agenda presentano finora numerose insufficienze – si legge -, alcune delle quali piuttosto gravi”.

- Gli abusi della polizia. Tra queste ultime, vi è quella relativa alle misure di prevenzione degli abusi di polizia. “Chi, trovandosi in questo momento in Italia, abbia commesso atti di tortura può, nella grande maggioranza dei casi, dormire sonni tranquilli. Questo è vero sia che la tortura sia stata commessa in Italia sia che sia stata commessa in un altro paese. In entrambi i casi, è sufficiente che i fatti risalgano a pochi anni addietro perché scatti la prescrizione, che impedisce la punizione in Italia ma anche, eventualmente, l'estradizione, la collaborazione con altri paesi nell'accertamento e nella punizione di gravi violazioni dei diritti umani”, afferma Amnesty International. Che aggiunge: “Fino a che non ci sarà un reato di tortura, punito severamente e con un termine di prescrizione lungo, le cose sono destinate a rimanere così. In parlamento, la commissione Giustizia del Senato, prima ha reso impresentabile la definizione di tortura contenuta nel disegno di legge in discussione; poi, e da diversi mesi ormai, ha smesso di parlare dell'argomento - secondo un copione che è sempre lo stesso ormai, legislatura dopo legislatura”.

Omofobia e transfobia. Fra gli altri temi di cui il parlamento sembra essersi ormai dimenticato vi è quello della punizione degli atti di omofobia e transfobia. “La Camera ha approvato nel 2014 un testo che accoglie le due principali richieste di Amnesty International. Se fosse approvato anche in Senato, il c.d. discorso d’odio comprenderebbe, com'è giusto che sia, anche l'ipotesi dell'odio dovuto all'orientamento sessuale e all'identità di genere. Inoltre, le aggravanti dei reati comuni motivati da odio riguarderebbero, in modo analogo, l'odio dovuto all'orientamento sessuale e all'identità di genere. Per il momento, neppure su questo argomento risulta che la commissione Giustizia del Senato (la stessa che ha smesso di occuparsi di tortura) sia in procinto di riprendere la discussione”.

Unioni civili. A proposito del riconoscimento di pari dignità e pari diritti alle famiglie costituite da persone dello stesso sesso, Amnesty International ritiene l’introduzione delle unioni civili in Italia possa essere un passo avanti nella giusta direzione. “L’auspicio è che l'iter parlamentare vada avanti e si concluda con l’approvazione di una legge che equipari i diritti delle coppie omosessuali con quelli delle coppie eterosessuali nella misura più ampia possibile”.

Migranti, ingresso illegale e accoglienza. Esiste ancora, formalmente, nell’ordinamento italiano, nonostante la volontà contraria del parlamento, il reato di ingresso e soggiorno illegale. “Il governo – afferma Amnesty - ha giustificato la mancata attuazione della delega ricevuta con la motivazione, francamente incredibile, che ‘gli italiani non capirebbero’, mettendo da parte il fatto che i rappresentanti più autorevoli del potere giudiziario (dal Procuratore Nazionale Antimafia al Primo Presidente della Cassazione) hanno detto - e che lo stesso governo ha riconosciuto - che quella previsione non è solo inutile, ma addirittura dannosa”. Per quanto riguarda il capitolo dell'accoglienza, Amnesty International è preoccupata per il modo in cui viene applicato il nuovo approccio hotspot. “Le prassi adottate negli hotspot rischiano di tradursi in una disapplicazione di regole e garanzie, a partire da quelle previste dal decreto procedure del 2008. Le segnalazioni riguardano, tra l'altro, la mancata o insufficiente informativa resa al migrante appena sbarcato circa la possibilità di richiedere la protezione internazionale, la limitazione dell’accesso alle procedure di asilo in base alla sola nazionalità (in assenza di un'istruttoria personale), l’immediata consegna di un decreto di respingimento c.d. ‘differito’, nel quale si ingiunge al migrante di lasciare il paese, senza fornire l’assistenza necessaria, e il rifiuto di alcune questure di esaminare le domande di asilo successivamente alla consegna di quest’ultimo”.

Esportazione di armi. Amnesty si dice preoccupata, infine, dal modo in cui l’Italia ha gestito la questione dell'esportazione di armi. “Nel corso del 2015 e dell'inizio del 2016 sono trasferiti bombe e sistemi militari dall'Italia all'Arabia Saudita, attualmente impegnata in un’azione militare in Yemen, nel quadro di un conflitto caratterizzato da attacchi indiscriminati contro le infrastrutture civili (a cominciare dalle strutture sanitarie e dalle scuole). Il governo dell’Arabia Saudita è responsabile di gravi violazioni dei diritti umani, circostanza che dovrebbe da sola comportare - secondo una legge italiana, la n.185 del 1990 - il divieto di ‘esportazione e transito di materiali di armamento’. Il Governo, per bocca del Ministro della Difesa, ha detto che è tutto regolare, tutto a posto. A noi non sembra proprio e per questo abbiamo chiesto e chiediamo l’immediata interruzione di ogni ulteriore consegna di armi all’Arabia Saudita”.

La questione rom. Una novità positiva, almeno sul fronte giudiziario, si registra circa la condizione della popolazione rom: “l'ordinanza con la quale il Tribunale di Roma ha stabilito che il Comune di Roma, nel trasferire forzatamente un gruppo di famiglie rom in un campo etnicamente segregato - il campo di La Barbuta, vicino a Ciampino - le ha sottoposte a trattamento discriminatorio, in violazione della legge. Nei fatti, purtroppo, siamo ancora lontani dal rispetto, da parte dei comuni italiani, del diritto dei rom a un alloggio adeguato”.

Le violazioni nel mondo in pillole. Ecco, in estrema sintesi, la situazione delle violazioni dei diritti nel mondo, secondo il rapporto di Amnesty International:
60 milioni: le persone che si trovano lontano dalle loro case, molte delle quali da diversi o molti anni;
almeno 113: paesi nei quali la libertà d’espressione e di stampa sono state sottoposte a restrizioni arbitrarie;
almeno 30: i paesi che hanno rimandato illegalmente rifugiati verso paesi in cui sarebbero stati in pericolo almeno;
19: i paesi nei quali sono stati commessi crimini di guerra o altre violazioni delle “leggi di guerra”; 
almeno 36: i paesi nei quali gruppi armati hanno commesso abusi;
almeno 156: i difensori dei diritti umani morti durante la detenzione o altrimenti uccisi
almeno 61: i paesi i cui governi hanno messo in carcere prigionieri di coscienza, ossia persone che avevano solamente esercitato i loro diritti e le loro libertà, più di un terzo dei paesi esaminati da Amnesty International; 
almeno 88: i paesi nei quali si sono svolti processi iniqui; 
almeno 122: i paesi nei quali vi sono stati maltrattamenti e torture;
almeno 20: i paesi, quattro dei quali nel 2015, che hanno riconosciuto per legge i matrimoni o altre forme di relazione tra persone del medesimo sesso.

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Amnesty International, diritti umani

Stampa Stampa