:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Un voto on line per regalare le vacanze estive ai bambini del quartiere popolare

Il progetto è dell’associazione Per Esempio onlus che da 4 anni si dedica ai minori di Borgo Vecchio a Palermo, contro l'abbandono scolastico. "R-Estate al Borgo" vuole offrire tra luglio e agosto gite al mare, laboratori artistici, tornei sportivi, laboratori di lettura e scrittura creativa

28 febbraio 2016

box PALERMO – Crescere e conoscere gente e luoghi diversi dal proprio quartiere per trascorrere diversamente l’estate come tutti gli altri loro coetanei. E’ questa l’opportunità che si vuole offrire a 100 bambini del quartiere popolare Borgo Vecchio di Palermo. L’iniziativa è promossa dall’associazione Per Esmpio onlus che da 4 anni è impegnata in attività pomeridiane , contro la dispersione scolastica. Il progetto in concorso "R-Estate al Borgo", curato da Per Esempio onlus, ha il supporto del gruppo dei Social Influencer di Palermo. Il progetto estivo può essere votato effettuando l'accesso anche tramite Facebook entro l'8 marzo al link: 

"R-Estate al Borgo" si rivolge dunque a 100 bambini tra i 6 ed i 12 anni del quartiere Borgo Vecchio a Palermo e prevede l'organizzazione di attività estive per i mesi di luglio e agosto, gestite da un gruppo di educatori ed animatori territoriali. Il concorso di "raccolta voti" è indetto da Aviva Community Fund Italia e finanzierebbe: 5 gite al mare, 10 laboratori artistici e di street art, 5 tornei sportivi, 10 laboratori di lettura, 5 laboratori di scrittura creativa.

Per Esempio onlus, da quasi quattro anni, dà vita ad un intervento focalizzato sul contrasto all'abbandono ed alla dispersione scolastica. All’interno del centro dell’associazione Per esempio onlus prestano il loro servizio 5 educatori tra cui due psicologhe e una decina di volontari

 Supporto scolastico, laboratori artistici e la didattica alternativa consentono quotidianamente un intervento capace di accendere tra i bambini del quartiere curiosità verso il mondo del sapere e fiducia verso il mondo dell'istruzione. Tutte le attività individuate seguono il corso dell'anno scolastico fino ad esaurirsi con l'arrivo dell'estate, quando i numerosi bambini seguiti salutano i propri educatori per poi rincontrarli a più di tre mesi di distanza.

Tutto le fasi del progetto verranno documentate con foto e video che verranno costantemente caricati all'interno di un portale web al fine di raccontare l'andamento del progetto oltre che per raccogliere testimonianze ed indice di gradimento dei piccoli e dei genitori coinvolti all'interno del quartiere.

“L’idea è nata anche dalla riflessione di quanto sia importante il tema del viaggio e della conoscenza di nuove esperienze per questi bambini. In un quartiere in cui sono pressoché assenti le attività ed i servizi rivolti ai minori, risulta fondamentale, al sopraggiungere dell'estate – dice Claudio Arestivo presidente dell’associazione Per Esempio onlus -, quando anche le agenzie educative istituzionali vanno in ferie, organizzare e mantenere dei presidi educativi e ricreativi costanti che si pongano come riferimento stabile per i tanti bambini troppo spesso lasciati a se stessi. Lavoriamo con circa 50 bambini che hanno bisogno di particolari attenzioni che non vanno assolutamente trascurate. Speriamo di riuscire a portare avanti il progetto perché ci sembra bello che gli altri possano sostenerci anche con un semplice voto. Sicuramente come associazione ci mettiamo a disposizione di tutti coloro volessero conoscere le nostre attività e sostenerci a vario livello”.  (set) 

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Solidarietà, dispersione scolastica

Stampa Stampa