:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

In primo piano:
European drug report 2016

31/05/2016

Stampa Stampa

8 marzo, Confcooperative Toscana: “Più uguaglianza nel lavoro”

La presidente Claudia Fiaschi: “Cooperative rappresentano un sistema d'impresa esemplare per esprimere l'imprenditorialità femminile”

08 marzo 2016

- FIRENZE - "Rimuovere gli ostacoli che il genere femminile si trova ad affrontare nel mondo lavorativo in termini di occupazione, precarietà e retribuzione, è indispensabile per il riconoscimento dei diritti e l’affermazione dell’uguaglianza. Anche la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro è una scommessa non più rimandabile per un paese che, oltre tutto, soffre di un tasso di natalità fra i più bassi al mondo” Così Claudia Fiaschi, presidente di Confcooperative Toscana in occasione della festa della donna.  

“Le cooperative – spiega Fiaschi - rappresentano un sistema d'impresa esemplare per esprimere l'imprenditorialità femminile coniugandola alle esigenze delle diverse fasi del ciclo di vita della persona e della famiglia. La cooperazione rappresenta sicuramente un modello di economia più inclusivo nei confronti delle donne perché più flessibile e basato su gruppi manageriali piuttosto che su leader individuali".

Secondo i dati stimati da Confcooperative Toscana il 61% dei lavoratori all’interno delle cooperative è donna, sono donna il 41% dei soci e il 26% delle figure apicali. "Purtroppo - dichiara Fiaschi - le problematiche che le donne si trovano ad affrontare nel mondo dell’impresa non si limitano alla precarietà e alla retribuzione – spiega Fiaschi – ma riguardano spesso anche l’accesso al credito, con la richiesta di maggiori garanzie e tassi d’interesse applicati più alti. Per non parlare poi delle difficoltà che permangono nell’accesso al vertice delle aziende. 

I segnali però sono promettenti. Il rinnovo in corso degli organi sociali della Confcooperative Toscana registra un sostanziale rinnovamento del management delle nostre associate: il 40% degli eletti negli organi è donna e il 30% ha meno di 40 anni.

 

 

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa