:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

In primo piano:
European drug report 2016

31/05/2016

Stampa Stampa

“Ballando al buio” con le stelle: Elena è a un passo dal traguardo

Erano 10 mila, sono rimasti in 3: e tra questi c’è lei, Elena Travaini, 28 anni, un tumore alla retina che le causa gravi problemi di vista. Sono i ballerini che si sono presentati, a fine novembre, al casting di “Ballando con le stelle”. La giovane fondatrice di Blindly Dancing: “Inizio a crederci, ma non voglio sperarci troppo”

10 marzo 2016

ROMA – Elena ha tutte le ragioni per iniziare a credere che il suo sogno possa realizzarsi: il ballo “al buio”, che per lei è una disabilità trasformata in metodo e mestiere, avverrà forse “con le stelle”. E così, dopo il trionfo della ballerina con le protesi Giusy Versace forse sul palco della celebre trasmissione televisiva sarà celebrata la danza di Elena Travaini, la ragazza che balla al buio, perché non può vedere. E che sogna di insegnarlo a molti.  

28 anni, un tumore alla retina che le causa gravi problemi alla vista, Elena studia danza da quando è piccola e ha fondato l’associazione Blindly Dancing, insieme al suo compagno Anthony, per insegnare a chi volesse che questo non è solo un modo di ballare, ma anche “un modo di vivere e di pensare”. 

Ci siamo presentato a fare il casting in 10 mila, provenienti da tutta Italia – ci racconta oggi Elena – E siamo rimasti in tre. Ci siamo esibiti davanti alla giuria a fine novembre: da lì c’è stata una prima selezione e siamo rimasti in sessanta. Poi, attraverso i video girati, sono state fatte le successive selezioni: siamo rimasti in 19, poi in 8 e adesso siamo solo in tre. Se ci sceglieranno, parteciperemo come ospiti in una delle prossime puntate. Per me è un grande sogno e ora che siamo rimasti solo in tre inizio a crederci davvero. Ma non voglio sperarci troppo…”.

Elena Travaini mentre balla

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Danza al buio, ipovedenti, ciechi

Stampa Stampa