:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

In primo piano:
European drug report 2016

31/05/2016

Stampa Stampa

Il riscatto delle donne afgane grazie alla coltivazione dello zafferano

Nella provincia di Herat coltivano la preziosa spezia, che viene importata in Italia da un loro connazionale immigrato a Milano. Con i ricavi le donne hanno avviato anche alcune panetterie e sartorie. I loro prodotti a Fa' la cosa giusta! (18-20 marzo, Fieramilanocity)

11 marzo 2016

MILANO - Il riscatto può venire da un fiore delicato che ha pistilli profumati. In Afghanistan, nella zona di Herat, decine di donne, molte delle quali vedove, riescono a condurre una vita dignitosa grazie alla coltivazione dello zafferano. "Quando si diventa vedove la vita diventa molto difficile nel nostro Paese", spiega Najir Kabir, medico e fondatore a Rho (in provincia di Milano) di una società di import che commercializza in Italia lo zafferano delle donne di Herat. "Il 50% del guadagno arriva a loro -spiega-. Con quei soldi hanno dato vita anche ad altre attività, come panetterie e sartorie, gestite insieme da piccoli gruppi donne". L'iniziativa di Kabir rientra in un progetto più ampio del governo afgano per la promozione delle donne, che vivono nelle zone rurali. Vengono aiutate ad avviare attività e a esportare i loro prodotti. Najir Kabir e le confezioni di zafferano delle donne di Herat sarà presente a Fa' la cosa giusta!, la fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, organizzata a Milano da Terre di mezzo, dal 18 al 20 marzo, nei padiglioni di Fieramilanocity. "Ci saranno anche due donne afghane, rifugiate in Italia, che hanno avviato una piccola produzione di dolcetti naturali". (dp)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Afghanistan, Fa' la cosa giusta!

Stampa Stampa