:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Giubileo dei romani, apre la quinta porta: per l'integrazione sociale

Il Giubileo per i romani prosegue oggi con l'apertura della quinta Porta sociale da parte delle associazioni Asinitas onlus e L'albero delle culture.Visita al centro interculturale delle donne Miguelim di Tor Pignattara, che offre servizidi accoglienza e laboratori interculturali

12 marzo 2016

ROMA - L'integrazione tra culture è possibile. Il Giubileo per i romani prosegue oggi con l'apertura della quinta Porta sociale da parte delle associazioni Asinitas onlus e L'albero delle culture. Dopo una loro breve presentazione, l'evento continuerà con la visita al centro interculturale delle donne Miguelim di Tor Pignattara, che offre diverse servizi,  scuola d'italiano per donne immigrate; accoglienza e laboratori interculturali per i bambini; corsi di lingua araba e cinese; sostegno psicologico; orientamento sociale, formativo e professionale; laboratori manuali ed espressivi. A concludere un brunch multietnico.

-
Sarà presente Guido Valentini, direttore dell'associazione di volontariato per la salute mentale Progetto Itaca Roma (www.progettoitacaroma.org)  Il Giubileo per i romani (www.giubileoperiromani.it)  il coordinamento del Terzo settore, rappresentato da oltre 40 reti e singole organizzazioni laiche e religiose, che per l''Anno della misericordia vuole offrire una risposta strutturale alle tante fragilità sociali della città, soprattutto delle periferie. Presenti all'iniziativa: Gianni Palumbo, portavoce del Forum Terzo settore Lazio; Eugenio De Crescenzio (Agci solidarietà Lazio, Associazione generale cooperative italiane); Pino Galeota (Corviale domani); Massimiliano Trulli (Cesv). (DIRE) 

© Copyright Redattore Sociale

Tag: integrazione, immigrati, giubileo, accoglienza

Stampa Stampa