:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

In primo piano:
European drug report 2016

31/05/2016

Stampa Stampa

Guess delocalizza e i lavoratori entrano in sciopero

Oggi a Firenze molti lavoratori dell’azienda hanno incrociato le braccia. Secondo Filctem Cgil, “la delocalizzazione implica la perdita di 90 posti di lavoro a Firenze”

18 marzo 2016

FIRENZE - Guess delocalizza e i lavoratori sono entrati in sciopero nella giornata di oggi. Altissima adesione, oltre il 90%. Secondo Filctem Cgil, “la delocalizzazione implica la perdita di 90 posti di lavoro a Firenze (personale altamente qualificato: stilisti e sviluppatori del prodotto, maggior parte donne dai 30 ai 40 anni, molte con figli), circa la metà di quelli attuali”. Oggi dalle 12 alle 13 i lavoratori e le lavoratrici hanno fatto anche un presidio nel piazzale antistante la sede di via dei Cattani, sede dell’azienda. Nel primo pomeriggio si è svolta un'altra assemblea dei lavoratori: in vista dell'incontro che il sindacato avrà con l'azienda lunedì 21 marzo, per quel giorno è stato proclamato uno sciopero di circa quattro ore (8,15-12) in concomitanza con un presidio ai cancelli dell'azienda. Dopo l'incontro, un'altra assemblea deciderà le future iniziative. 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa