:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Alternanza scuola-volontariato: i Csv accolgono e orientano gli studenti

Dalla progettazione di eventi all’esperienza diretta nelle associazioni: a Parma e Piacenza il volontariato arricchisce il curriculum e diventa un’ esperienza utile per il mondo del lavoro

21 marzo 2016

PARMA - Motivare i ragazzi e orientarli verso il mondo del lavoro: è questo l’obiettivo della legge 107/2015, una misura volta a promuovere, negli istituti superiori, attività formative ed esperienziali che agevolino il passaggio dallo studio alla professione. Anche il volontariato può costituire un’occasione importante per arricchire il curriculum di esperienze e competenze spendibili nel mondo del lavoro. Per questo diversi Csv stanno attivando progetti che alternano attività didattica ed esperienze pratiche coinvolgendo scuole studenti e associazioni.
Svep, il Csv di Piacenza ha avviato, già da questo anno scolastico, progetti di alternanza scuola-lavoro impegnando circa 60 studenti di due istituti superiori e diverse realtà di volontariato piacentine.

Le proposte si articolano in tre fasi: una prima fase formativa, di approfondimento sul volontariato (inquadramento storico, sociologico e normativo, aspetti amministrativi, tecniche di comunicazione, ecc); una seconda fase di tipo esperienziale, che permetterà agli studenti di svolgere stage all’interno di associazioni e enti del terzo settore per sperimentare e sviluppare una serie di competenze trasversali (lavoro di gruppo, progettazione, comunicazione, competenze organizzative e informatiche, capacità di gestire lo stress...); una terza fase di rielaborazione del percorso fatto e di valutazione di sviluppi futuri.

A Parma invece si vedono già i primi frutti; nel mese di febbraio il Csv Forum Solidarietà ha coinvolto 120 studenti di 4 istituti superiori in un laboratorio di progettazione che li ha messi all’opera sui temi della cittadinanza, delle migrazioni e dell’intercultura.
L’obiettivo degli studenti è stato quello di progettare, promuovere e realizzare tre eventi; durante la settimana di scuola-lavoro i ragazzi hanno scoperto cosa c’è dietro le quinte di un evento ben riuscito: comprendere il contesto ed i bisogni, mettere a fuoco gli obiettivi e i destinatari, studiare la fattibilità, il budget, il piano di comunicazione.

Il primo appuntamento interamente pensato da loro si è svolto proprio oggi, 21 marzo, in occasione della Giornata mondiale contro le discriminazioni razziali, in una mattinata di musica e testimonianze, dedicata ai compagni di scuola.
Per le altre iniziative bisognerà aspettare giugno, quando gli studenti animeranno gli eventi di apertura della XX edizione della Festa Multiculturale, che ogni anno richiama migliaia di visitatori fra cibo e culture di altri mondi.
Maggiori informazioni sui siti del Csv di Parma e del Csv di Piacenza.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa