:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Don Milani, la sua figura diventa un musical

Il messaggio del priore di Barbiana sarà messo in scena a Firenze dalla Compagnia teatrale “Fiaba Junior”. In programma anche una mostra

01 aprile 2016

FIRENZE - “I Care”. Ho a cuore. M’importa. L’insegnamento di don Lorenzo Milani in un musical “Ultimo anch’io” che verrà messo in scena a Firenze dalla Compagnia teatrale “Fiaba Junior” sabato 9 aprile alle 21, domenica 10 aprile alle 16, sabato 16 aprile alle 21 e domenica 17 aprile alle 16 presso la sala polivalente “Fiaba” in via delle Mimose, 12. Lo spettacolo sarà, inoltre, rappresentato la mattina del 15 aprile per le scuole del quartiere 4. Una compagnia teatrale, composta da giovani studenti, il più giovane ha 12 anni, la più grande ne ha 20, che partecipa alla 3° rassegna teatrale “In scena la fede” promossa dal Centro Diocesano di Pastorale Giovanile, rivolto a gruppi di giovani per rappresentazioni che sviluppino tematiche religiose.

Dal 9 al 15 aprile, inoltre, sarà allestita una mostra fotografica su don Lorenzo Milani presso il punto lettura Luciani Gori, nel viale dei Pini all’Isolotto. Organizzata dalla Fondazione don Milani e dal quartiere 4 la mostra è in collaborazione con l’Associazione Lib(e)ramente Pollicino che gestisce il punto lettura.

“Sono sempre confortata tutte le volte che vengo a conoscenza di persone che si occupano di teatro – ha detto la vice sindaca ed assessore all’istruzione Cristina Giachi – perché fare teatro vuol dire lavorare in gruppo e così si evita la trappola in cui molti oggigiorno incorrono affermando che da soli è meglio. Fare teatro insieme è un antidoto bellissimo per allontanare l’individualismo. Lo stesso don Milani invitava i suoi ragazzi ad uscire dal “guscio” di Barbiana. E gli diceva che era il sapere l’unica maniera per uscire dall’isolamento perché il sapere è la vostra consistenza e la vostra libertà e questa la si misura con le relazioni”.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa