:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Al via nel Lazio l’Osservatorio della pubblica amministrazione

Grazie all’Opa avvisi, gare, concessioni e affidamenti saranno sotto la lente del terzo settore che segnalerà alle amministrazioni interessate le eventuali irregolarità

23 maggio 2016

- La regione Lazio avrà l’Osservatorio della pubblica amministrazione (Opa).  A presentarlo domani 24 maggio presso la Città dell’altra economia, saranno i promotori, tutte realtà del non profit: Agci Lazio Solidarietà, Forum del terzo settore del Lazio, Cild (Centro di iniziativa per la legalità democratica), in collaborazione con il Csv del Lazio Cesv.
Obiettivo dell’Opa è quello di analizzare gli atti della Pubblica amministrazione (avvisi, gare, convenzioni, concessioni, affidamenti, accreditamenti e azioni di co-progettazione), segnalati dagli enti non profit, e comunicare alle amministrazioni interessate eventuali elementi di criticità, irregolarità o non applicabilità.

Già attivo da un mese l’Osservatorio è intervenuto in una decina di casi, riguardanti soprattutto gli sfratti alle associazioni da parte dell’amministrazione comunale romana, mandando ai responsabili delle amministrazioni le proprie osservazioni su bandi, avvisi pubblici e concessioni. Non sempre ha ricevuto risposte adeguate, ma in un terzo circa dei casi ha ottenuto che gli atti venissero positivamente modificati. La speranza è che venga sempre più riconosciuto dalle Amministrazioni come interlocutore autorevole e costruttivo.
Infatti gli atti amministrativi, la loro organizzazione e i tempi di svolgimento, nonché la chiarezza e la conoscenza delle procedure, sono la premessa per permettere una valida ed effettiva partecipazione della collettività alle scelte politico-amministrative degli enti Pubblici.
L’Osservatorio agisce quindi in spirito di collaborazione, per una maggiore efficacia e regolarità dell’azione amministrativa, mettendo a disposizione competenza ed esperienza e valorizzandone l’operato anche attraverso il confronto dialettico.

Alla presentazione del 24 maggio parteciperanno Eugenio de Crescenzo (presidente AGCI Lazio Solidarietà), Claudio Giangiacomo (avvocato), Pino Galeota (presidente CILD), Gianni Palumbo (portavoce Forum Terzo Settore Lazio), Francesca Danese (ex Assessore Politiche Sociali e Abitative del Comune di Roma), Anna Maria Bianchi (Carte in regola), Stefano Rossi (avvocato, consulente del Cesv), Andrea Masala (Arci), Augusto Donati (Consorzio Sociale Parsifal). Per info: www.cesv.org

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa