:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

La vita in carcere: in una guida tutto quello che un detenuto deve sapere

Le informazioni fornite vanno dalla perquisizione all’ingresso, ai servizi di sostegno esterni al carcere, alle misure alternative alla detenzione. È curata dai volontari della Rete carcere del Csv di Genova e tradotta in 3 lingue

09 giugno 2016

- GENOVA - La “Guida per orientarsi alla vita in carcere e oltre” è un opuscolo informativo per agevolare i detenuti nella comprensione delle leggi e delle regole che disciplinano il regime penitenziario in Italia, curato dalla Rete carcere del Csv di Genova Celivo.

La Guida fornisce indicazioni utili già sui primi momenti dopo l’ingresso nella struttura carceraria, come la perquisizione, il ritiro degli oggetti personali, l’immatricolazione. Ma contiene anche informazioni riguardanti il tema della salute, i riferimenti normativi, le possibilità di affidamento terapeutico. Un’attenzione particolare è dedicata poi alle misure alternative alla detenzione, i requisiti per richiederle, le modalità di svolgimento. Inoltre, vengono fornite informazioni su alcuni servizi esterni al carcere che offrono sostegno, non rivolti espressamente a chi ha terminato un periodo di reclusione, ma disposti ad accogliere chiunque sul territorio genovese si trovi in difficoltà rispetto al pasto ed al ricovero notturno.
Infine, in allegato alla Guida si citano le associazioni attive all’interno delle carceri della provincia di Genova e le attività che svolgono a favore dei detenuti.

Il documento è la versione aggiornata dell’omonimo opuscolo realizzato e promosso nel 2004 dalla Conferenza regionale volontariato e giustizia Liguria, basata sulla “Guida per i detenuti” prodotta nel 2001 dallo Sportello giustizia presso il Centro di servizio per il volontariato di Rovigo. L’aggiornamento è stato curato dai volontari delle associazioni che fanno parte della Rete carcere del Csv di Genova, nelle carceri di Marassi, Pontedecimo e Chiavari. La traduzione in spagnolo è stata realizzata in maniera volontaria da Marta Carmilla, mentre quella in inglese e francese dagli studenti del liceo linguistico internazionale Grazia Deledda di Genova.

I futuri aggiornamenti sono e saranno resi disponibili on-line sul sito del Celivo

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Csv Genova, carcere

Ti potrebbe interessare anche…

Stampa Stampa