:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

"Move Social", il volontariato si presenta ai cittadini

Grande successo per la seconda edizione della manifestazione dedicata al mondo del volontariato promossa dalla Delegazione Cesvot di Empoli e organizzata lo scorso fine settimana a Montelupo Fiorentino

05 settembre 2016

FIRENZE - Grande successo per la seconda edizione di Move Social, la manifestazione dedicata al mondo del volontariato promossa dalla Delegazione Cesvot di Empoli e organizzata lo scorso fine settimana a Montelupo Fiorentino con il patrocinato dal Comune e dall’Unione dei comuni Empolese Valdelsa. L'edizione 2016 ha visto la partecipazione di oltre 20 associazioni del territorio con stand informativi, laboratori, giochi, musica, incontri e street food e si è conclusa ieri sera con una cena  di raccolta fondi in favore dei terremotati del Centro Italia promossa dalla Proloco di Montelupo Fiorentino con l'adesione di Cesvot e a cui hanno partecipato oltre 500 cittadini.

Il presidente del Cesvot Andrea Panelli
Il presidente del Cesvot Andrea Panelli

“Siamo davvero molto soddisfatti della partecipazione che abbiamo registrato, sia delle associazioni che dei cittadini. Segno evidente che siamo sulla giusta strada – ha spiegato Andrea Panelli, presidente della delegazione Cesvot di Empoli - Move Social non è soltanto una festa, ma un'iniziativa che fa incontrare domanda e offerta di volontariato, dove i volontari e gli aspiranti tali si incontrano e si guardano negli occhi. È un modo per sensibilizzare la cittadinanza alla partecipazione attiva stimolandola attraverso la solidarietà concreta delle varie associazioni del territorio. Insomma, attraverso quello che di bello e benefico è stato costruito, si incentivano altri cittadini a fare altrettanto, facendo crescere la partecipazione dal basso. Come delegazione continueremo a lavorare in questa direzione, creando nuova occasioni per far conoscere l'importante tessuto associativo del nostro territorio. Stiamo già pensando alla terza edizione.”

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa