:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Prevenzione suicidi, Telefono Amico e Ferrovie insieme sui treni e nelle stazioni

“Riemergere si può. Parliamone”. Telefono Amico Italia, con il supporto del Gruppo Ferrovie dello Stato e il patrocinio del Ministero della Salute, avvia una campagna informativa di sensibilizzazione che verrà veicolata sui canali di comunicazione di FS Italiane, in alcune stazioni ferroviarie e sui treni

10 settembre 2016

ROMA - In occasione della Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), Telefono Amico Italia - con il supporto del Gruppo Ferrovie dello Stato e il patrocinio del Ministero della Salute - avvia per il secondo anno consecutivo una campagna informativa di sensibilizzazione che verrà veicolata, da oggi e fino al 30 settembre, sui canali di comunicazione di FS Italiane, in alcune stazioni ferroviarie e sui treni Frecciarossa e Frecciargento.

Il messaggio della campagna di sensibilizzazione all’ascolto - per la quale è stato creato un video ad hoc - non punta sul gesto estremo in sé. Il tema del suicidio, che riguarda anche  l’ambito ferroviario (e che finisce per coinvolgere, oltre al dramma personale umano, macchinisti, personale di bordo e di terra, passeggeri e il Gruppo FS nel suo insieme), rimane sullo sfondo: la campagna punta infatti l’attenzione sui temi della solitudine e del disagio, ovvero sulle radici del malessere piuttosto che sulle sue conseguenze ultime. Ed è proprio qui che subentra il lavoro dei volontari di Telefono Amico Italia che ogni giorno - dalle 10 alle 24 - sono in ascolto di chiunque cerchi una persona con cui parlare attraverso il numero unico 199 284 284.

“Dopo l’esperienza dell’anno scorso - spiega Dario Briccola, presidente di Telefono Amico Italia - anche quest’anno il Gruppo FS Italiane ha dimostrato grande sensibilità non solo nei confronti del problema del suicidio, ma anche verso il servizio svolto dalla nostra associazione. In Italia  non era mai stata realizzata una campagna di questo tipo, a differenza di altri paesi europei. È importante comunicare e sensibilizzare il maggior numero di persone sul fenomeno del suicidio, perché così si può tentare di prevenirlo. Fondamentale però è porre l’individuo, e non il suo disturbo, al centro del problema, eliminando ogni forma di stigma per infrangere quel silenzio deleterio che si sviluppa intorno a questo tema”.

- Se si è in difficoltà, è possibile contare sull’associazione Telefono Amico Italia, che è la help line italiana di riferimento per le problematiche legate al disagio emozionale. Da giugno di quest’anno, grazie anche a una collaborazione avviata con Facebook, Telefono Amico è l’organizzazione di riferimento per supportare le persone che tendono o manifestano intenzioni di autolesionismo. 
“Telefono Amico Italia aiuta le persone che soffrono di un profondo disagio a riemergere, a liberarsi del peso che li opprime e dalla maschera che ne copre il volto. La campagna vuole sensibilizzare tutti, non solo chi soffre, e lo vuole fare con un linguaggio positivo, usando una metafora poetica (il palombaro) e lo stile dello storytelling”.

A Roma, il 13 e il 14 settembre presso l'aula magna del Rettorato della Sapienza si svolge anche la XIV edizione del Convegno nazionalein occasione della Giornata mondiale per la prevenzionedel suicidio. L’evento è curato da Maurizio Pompili, vice-Presidente della International Association for Suicide Prevention (IASP) e responsabile del Servizio per la Prevenzione del suicidio presso l’Azienda Ospedaliera Sant’Andrea-Sapienza Università di Roma, in collaborazione con la Fondazione internazionale Menarini. Al convegno, gratuito e aperto al pubblico, parteciperanno relatori di prestigio internazionale e professionisti della salute mentale. Ogni anno nel mondo oltre 800.000 persone muoiono a causa del suicidio e questa è solo una stima parziale rispetto all’impatto che tale fenomeno ha sulla società. Un antidoto efficace per salvare vite umane sta anche nell’informazione e nella formazione di medici, psicologi, infermieri, insegnanti e studenti che si apprestano a intraprendere il cammino della cura e del sostegno dell’altro.

© Copyright Redattore Sociale

Tag: giornata suicidi, ferrovie dello stato, Telefono amico, Suicidio

Stampa Stampa