:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Padre Giancarlo Politi e la malattia: un video per raccontare "l’intrusa"

Così il missionario del Pime, giornalista e direttore della rivista Mondo e Missione, ha deciso di parlare dell’Alzheimer che ha faticato ad accettare. "La malattia non toglie l'umanità di una persona. Si è padri o madri anche da ammalati. Non piangetevi addosso”

13 settembre 2016

- MILANO - L'intrusa ha cominciato a dare dei segnali qualche anno fa. "Erano campanelli d'allarme che trascuravo. Non mi sentivo pronto. Ho fatto fatica ad accettare la signora malattia". Padre Giancarlo Politi è un sacerdote del Pontificio istituto missioni estere (Pime): missionario in Cina e Hong Kong per 23 anni, giornalista e direttore della rivista Mondo e Missione, ora sta lottando con l'intrusa, come lui la chiama. È ancora nelle fasi iniziali della malattia e ha accettato di raccontare la sua storia, tramite un video, al convegno di Milano della Federazione Alzheimer Italia, "Ricordati di me".
Uomo e sacerdote brillante, con una conoscenza approfondita della cultura e della lingua cinese, sente "la mancanza di potersi muovere liberamente da solo, senza dover essere per forza accompagnato". Gli manca l'auto, l'indipendenza. "L'essere liberi è la cosa più importante" sottolinea. 

Oggi padre Politi vive in una comunità con altri sacerdoti. Nel video sceglie con cura e attenzione le parole. Parla lentamente e cerca di tenere il controllo di sé stesso. "Purtroppo il peso della mia condizione grava più sugli altri che su di me". L' Alzheimer gli ha già fatto vivere periodi difficili, di totale confusione. "Ricordo solo alcune sensazioni di quei giorni, ma non so dire cosa sia successo".

L'anno scorso padre Politi ha festeggiato i 50 anni di sacerdozio. Non celebra più la Messa in pubblico. "Non me la sento. Non voglio sciupare il Mistero a chi viene in Chiesa".
Il video si chiude con un invito di padre Politi agli altri malati. "La malattia non toglie l'umanità di una persona. Si è padri o madri anche da ammalati. Non piangetevi addosso. Le medicine sono solo una parte della vita. Ciò che conta è la bellezza dell'esistenza". (Dp)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Pime , salute, Alzheimer

Stampa Stampa