:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

"Matti per il calcio", 300 disabili psichici scendono in campo

In corso a Montecatini la manifestazione della Uisp. Il monito del presidente Lega calcio Baldi: “I ragazzi escono da questa tre giorni con la forza di andare avanti, ma il rischio è che dopo facciano ritorno nei loro parcheggi”

23 settembre 2016

FIRENZE – 300 persone con problemi di salute mentale diventano calciatori. E’ ‘Matti per il calcio’, la decima edizione della manifestazione nazionale Uisp in corso a Montecatini Terme fino a domani. Partecipano 16 squadre provenienti da tutta Italia, ognuna delle quali composta da pazienti, psicologi, operatori sociali e infermieri. Le partite si susseguiranno non stop fino a sabato 24 settembre, quando si giocheranno le finali, in mini tornei con partite da 15 minuti.

- "I ragazzi escono da questa tre giorni con la forza di andare avanti – ha detto Alessandro Baldi, presidente Lega calcio Uisp - ma il rischio è che, una volta terminato questo torneo, queste persone facciano ritorno nei loro parcheggi". Il riferimento è ad alcuni centri di salute mentale del nostro Paese dove, spiega Baldi, "ci sono grandi difficoltà a portare avanti i progetti di sport come accompagnamento alla cura farmacologica, sia per mancanza di risorse economiche sia per mancanza di risorse umane". È quindi inevitabile, prosegue Baldi, che "alla luce di queste mancanze ci sia un peggioramento delle condizioni del paziente".

In campo a Montecatini giovani e anziani, uomini e donne, molti in cura da anni molti in cura da pochi mesi, tutti con la voglia di divertirsi e sfruttare in pieno questa occasione di “evasione”. “Matti per il calcio è un appuntamento sportivo, ma la competizione non è al centro dei nostri pensieri – dice Vincenzo Manco, presidente nazionale Uisp - vogliamo che i partecipanti si sentano coinvolti, partecipi, a loro agio e si divertano. Stare insieme, lontano da casa, condividere la giornata 24 ore al giorno, è già un grande risultato per questi ragazzi che vengono da vite complicate e storie di disagio”.

Le squadre che partecipano al torneo sono: Fuori di pallone (Torino), Insieme per lo sport (Genova), Matti nel pallone (Taranto), Asd Percorsi (Pescara), Centro Serapide (Napoli-zona Flegrea), Và Pensiero (Parma), Cosmos (Piacenza), Real…mente (Roma), Atletico Niguarda (Milano), Asd Fuori di testa (Fabriano), Puglia in rete (Taranto), Uisp Ragusa (Ragusa), Artics (Pistoia), Sportinsieme (Foligno), Il Tulipano (Verona), Araba Felice (Rovigo).

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa