:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Gli chef delle comunità straniere si sfidano: "il cibo avvicina culture diverse"

Sabato, 1 ottobre prima tappa romana della competizione culinaria tra cuochi appartenenti alle varie comunità straniere residenti in Italia, all'interno del festival “Ottobre africano”. In gara piatti tipici delle tradizioni popolare (anche italiani): vince chi meglio “racconta” la propria cultura

28 settembre 2016

Incontro cucina, cibo etnico

Roma - Sabato, 1 ottobre, arriva la prima tappa romana di IncontroCucina, la competizione culinaria tra chef appartenenti alle varie comunita' straniere residenti in Italia, parte del ricco cartellone di eventi del festival Ottobre africano, con la collaborazione de Il Genovino d'Oro e Slow food. "Sperimentata per la prima volta nel 2015 - spiega il comunicato - l'iniziativa ha riscosso sin da subito un tale entusiasmo di pubblico da essere riconfermata anche quest'anno uno degli appuntamenti principali della XIV edizione di Ottobre africano. La chiave del successo risiede in un concetto molto semplice: niente meglio del cibo puo' avvicinare le persone, in particolare se di culture diverse". "La cucina e la musica non hanno bisogno di parole e hanno la capacita' di unire tutti", il pensiero della madrina della manifestazione, Fiorella Mannoia.

- Nel corso della serata, i cuochi inviteranno la giuria ad assaggiare piatti tipici della loro tradizione popolare. Il vincitore sara' colui che, oltre a realizzare una pietanza succulenta, sara' anche in grado di raccontare la propria cultura e il legame con la terra attraverso gli ingredienti, i sapori, gli odori. Presente anche l'Italia con specialita' regionali.

Dopo il primo appuntamento di Torino del 23 settembre, IncontroCucina passa per la Capitale per poi dirigersi a Bologna il 3 ottobre e a Napoli il 14, alcune delle tante citta' che accoglieranno i vari eventi di Ottobre africano. Il vincitore di ciascuna serata otterra' l'accesso alla finalissima del 27 ottobre a Roma. "Una festa per gli occhi e per il cuore che nasce con lo scopo di raccontare attraverso l'arte gastronomica le straordinarie storie di persone che hanno scelto di vivere nel nostro Paese e di dimostrare che l'incontro tra culture non solo e' possibile, ma e' anche fonte di ricchezza", conclude la nota. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa