:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Migranti. Il poliziotto che identifica le vittime del mare su Facebook

Angelo Milazzo lavora presso la procura di Siracusa. Con una semplice intuizione è riuscito a contattare i familiari dei dispersi sui social network. Identificati 21 corpi su 24 di un naufragio del 2014. Ora l’idea rientra tra le buone pratiche studiate dall’Università di York per il progetto Mediterranean missing

03 ottobre 2016

- ROMA - Angelo Milazzo è un uomo schivo, non ama parlare di sé. Quando lo fa, usa toni tipici di chi si sente innanzitutto un “servitore dello Stato”. Eppure con una semplice intuizione, questo ispettore della polizia municipale della procura di Siracusa è riuscito a ridare un nome e un volto a 21 persone, morte nel Mediterraneo nel tentativo di arrivare in Europa. Tutto ha inizio il 24 agosto del 2014 quando avviene uno dei tanti naufragi a largo delle coste italiane. Vengono recuperati 24 corpi, alcuni vengono recuperati subito, altri invece restano senza nome.

E’ allora che Angelo Milazzo, che lavora presso la procura di Siracusa, (nel gruppo creato per il contrasto all’immigrazione clandestina), decide di provarci, contattando le famiglie delle vittime che vivono sull’altra sponda del Mediterraneo. Ma come fare? “Avevo visto online diverse pagine Facebook di famiglie di siriani che stavano cercando le persone disperse in mare. Spesso pubblicavano liste con i nomi e le foto – ha spiegato Milazzo durante la conferenza di presentazione del progetto Mediterranean missing– Così ho pensato che contattarli poteva essere un buon modo per riuscire a capire se conoscessero qualcuna delle vittime. Ho chiesto ai miei superiori se mi autorizzavano l’apertura di una pagina Facebook, dopo il sì ho iniziato a lavorare e a stabilire i primi contatti”. Milazzo ha lavorato a questa idea anche oltre l’orario di lavoro, oltre al numero della procura forniva anche il suo numero di servizio e la sua mail per poter ricevere il materiale dai familiari. Chiedeva dati precisi e foto per fare il confronto: “alla fine ci siamo ritrovati con una marea di schede dettagliate sui dispersi – racconta -. E grazie all’aiuto di un interprete siamo riusciti a fare un primo screening. Nel tempo siamo riusciti a  ritrovare anche persone disperse da altri naufragi”. Del naufragio del 24 agosto sono stati identificati 21 corpi su 24. Ne restano soltanto 3 senza nome: due siriani e una donna eritrea.

Angelo Milazzo
Angelo Milazzo

Il lavoro di Angelo Milazzo con i social network è stato studiato dal gruppo di lavoro dell’Università di York che sta portando avanti il progetto Mediterranean missing. Ed è stato valutato come best practice al pari delle altre azioni compiute dall’Italia negli ultimi anni per ridare identità ai morti del Mediterraneo. “In questi anni c’è stato uno sforzo enorme da parte di alcune persone su questo tema, dai rappresentanti dello stato ai medici legali – sottolinea Giorgia Mirto, coordinatrice del progetto – fino ai semplici ispettori di polizia come Angelo Milazzo che ha fatto un lavoro straordinario”.

Tra le altre buone pratiche, il ruolo centrale dell’ufficio per le Persone scomparse affidato al commissario straordinario Vittorio Piscitelli, che si è occupato di tre naufragi avvenuti il 3 e 11 ottobre 2013 e il 18 aprile 2015. “Quello che stiamo facendo è un grande lavoro – sottolinea Piscitelli -. Gli scomparsi hanno diritto a una degna sepoltura. Questo non va negato a nessuno e l’ idea di dare un nomea queste persone ci porta a lavorare oltre le nostre capacità di resistenza”. L’ufficio ha rilasciato diversi protocolli in cui venivano proposte anche linee guida per gestire situazioni di questo genere. Questi documenti hanno permesso, in particolare, di attivare forme di cooperazione tra gli attori coinvolti nel riconoscimento delle salme. L’altro tassello fondamentale è il Labanof di Milano, il laboratorio di antropologia forense dell’Università Statale di Milano, diretto dalla dottoressa Cristina Cattaneo, che ha messo insieme specialisti di diversi atenei. (ec)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa