:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

A Ecomondo il primo viaggio virtuale nel mondo dei rifiuti

E’ il primo progetto di realta’ virtuale nel mondo dei rifiuti, considerati non piu’ come uno scarto da destinare a discarica ma come materia dagli infiniti usi e dal grande valore, in un’ottica di economia circolare: e’ il Waste Travel 360°

09 novembre 2016

- Roma - E’ il primo progetto di realta’ virtuale nel mondo dei rifiuti, considerati non piu’ come uno scarto da destinare a discarica ma come materia dagli infiniti usi e dal grande valore, in un’ottica di economia circolare: e’ il Waste Travel 360°, il progetto ideato da Ancitel Energia&Ambiente con il supporto tecnico della start up Pearleye Hd Virtual Tour, e patrocinato da Anci e ministero dell’Ambiente. Il virtual tour - presentato oggi alla Fiera Ecomondo di Rimini - e’ uno strumento composto da immagini a 360°, navigabili intuitivamente da tutti i dispositivi, che permette al fruitore di compiere una visita immersiva e interattiva nel mondo dei rifiuti, grazie alla resa grafica e alla qualita’ delle immagini Hd. Progettato per essere utilizzato come innovativo strumento didattico, il Waste Travel 360° e’ in grado di fornire un’esperienza dal notevole impatto emozionale e permette all’utente di interagire direttamente con i materiali, dall’alluminio alla plastica, dal vetro al legno, dall’acciaio alla carta:c ome in un videogioco, i giovani fruitori possono essere parte attiva nello scegliere dove collocare un rifiuto, diventando anche parte integrante dello spazio e accompagnando i rifiuti nel processo di trasformazione evalorizzazione sino ai prodotti finali.

Il progetto e’ stato realizzato conil contributo ed in collaborazione con alcuni dei piu’ importanti Consorzi di Filiera, che hanno fornito preziose informazioni sui materiali che quotidianamente raccolgono e trasformano in nuova materia: Conai (Consorzio Nazionale Imballaggi), Cial per l’alluminio, Cic per il compost, Cobat perle batterie, Comieco per carta e cartone, Corepla per la plastica, Coreveper il vetro, Ricrea per l’acciaio e Rilegno per il legno. Premio di questo "gioco virtuale" e’ l’apprendimento delle buone pratiche di raccoltadifferenziata, l’acquisizione della conoscenza del ciclo di vita del rifiutonel passaggio a materia prima seconda e il superamento del concetto negativizzante del rifiuto: ovvero la completa immersione nel mondo dellavalorizzazione del rifiuto in risorsa, con l’obiettivo di contribuire atrasformare i piu’ giovani in maturi cittadini e consumatori ecoresponsabili. "Creando strumenti fluidi, facili e non retorici - spiega Filippo Bernocchi, Delegato Anci a Energia e Rifiuti - puntiamo ad accelerare il processo diraggiungimento degli obiettivi di legge stabiliti dall’Unione Europea: in unfuturo non troppo lontano, entro il 2050, niente sara’ piu’ destinato alloscarto e ogni oggetto verra’ progettato per essere riutilizzato e avviato alriciclo. Dobbiamo quindi passare dal concetto di disvalore insito nelrifiuto a quello di valore, per affrontare la sfida del passaggio al modellodi economia circolare come unica opportunita’ di crescita". Dopo Non mi rifiuto, la prima campagna musicale di educazione alla raccolta differenziata e al riciclo, Ancitel Energia&Ambiente lancia il progetto "bottom-up": Waste Travel 360° e’ infatti un progetto innovativo evirtuoso nato dal basso, ovvero dall’esigenza di educare i cittadini allacultura del riciclo, ma che puo’ arrivare lontano grazie ai giovani,testimonial di messaggi positivi a difesa dell’ambiente. Tutte le scuole e i Comuni d’Italia potranno usufruire gratuitamente del virtual tour eutilizzarlo per accrescere la consapevolezza degli alunni e dei cittadini sull’importanza della corretta gestione dei rifiuti. (Dire)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Ambiente, scuola, Rifiuti

Stampa Stampa