:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Siria, il Vescovo di Aleppo in visita a Firenze

L’evento è organizzato dal Progetto Agata Smeralda. Il presidente Barsi: “Sarà una buona occasione per far sentire a lui, all’intera comunità cristiana ed al popolo di Aleppo, la nostra affettuosa solidarietà”

16 novembre 2016

- FIRENZE - Sabato 19 alle ore 18.00 nell’Aula Magna del Seminario Arcivescovile, in Lungarno Soderini 19 a Firenze, il vescovo di Aleppo Mons. Antoine Audo terrà un incontro sul tema: “I bambini di Aleppo chiedono la pace”. L’evento è organizzato dal Progetto Agata Smeralda, dal Centro Missionario Diocesano e dal Centro Diocesano Migrantes di Firenze, nel nome di Giorgio La Pira, il sindaco di Firenze che non ha mai rinunciato al ruolo di seminatore di pace nel mondo.

“Questa – commenta Mauro Barsi, presidente di Agata Smeralda - sarà una buona occasione per far sentire a lui, all’intera comunità cristiana ed al popolo di Aleppo, la nostra affettuosa solidarietà. Proprio perché il prelato aveva manifestato la sua grande solitudine e quella del suo popolo da parte del mondo. Papa Francesco, invece, non si è mai dimenticato della loro tragedia. Siete tutti invitati a partecipare – prosegue Barsi – e ad unirvi in questa battaglia: mi rivolgo ancora una volta alla grande famiglia di Agata Smeralda grazie alla cui generosità, in comunione con l’Arcivescovo di Firenze, abbiamo già potuto inviare a Mons. Audo la somma di 61mila euro che è stata destinata soprattutto all’acquisto di generi alimentari e medicinali”.  

L’incontro è ovviamente aperto a tutti, dopo l’introduzione del prof Barsi ci saranno gli interventi di don Sergio Merlini, direttore del Centro Missionario Diocesano, e di padre Alessandro Bedin, direttore Ufficio Migrantes. “Noi continuiamo a pregare e ad invocare la pace – ha detto nei giorni scorsi Mons. Audo - e lavoriamo ogni giorno per la pace, al servizio dell’essere umano e della sua dignità, senza distinzioni politiche e religiose”.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa