:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Toscana, onorificenza al vicepresidente del Kurdistan iracheno

La Giunta regionale della Toscana, su proposta del presidente Enrico Rossi, ha deciso di conferire il Pegaso d'oro, massima onorificenza regionale allo storico leader dell'Unione Patriottica Curda e veterano peshmerga

06 dicembre 2016

FIRENZE - La Giunta regionale della Toscana, su proposta del presidente Enrico Rossi, ha deciso di conferire il Pegaso d'oro, massima onorificenza regionale, a Kosrat Rasul Ali, vicepresidente del Governo regionale del Kurdistan iracheno (KRG). Kosrat Rasul Ali è lo storico leader dell'Unione Patriottica Curda e veterano peshmerga. E' impegnato in prima persona per l'affermazione della pace e della cultura della democrazia nella sua regione.

Il "Leone del Kurdistan", questo il suo nome di battaglia, è in prima linea nella liberazione dall'occupazione dello Stato Islamico e dal terrorismo di molte città irachene, a cominciare dall'intera area di Mosul.

"Con l'assegnazione del Pegaso d'oro al vicepresidente Kosrat – spiega il presidente Rossi - la Toscana, da anni presente in quella regione autonoma, porgerà un riconoscimento all'intero popolo curdo". "Il Governo Regionale Curdo – aggiunge - è stato ed è un rifugio vitale per un numero enorme di profughi e di sfollati di ogni etnia e fede. Questo mostra come il progresso della democrazia nel Kurdistan e l'unità e la solidarietà delle sue forze politiche siano valori preziosi per chiunque lavori per un mondo di libertà e tolleranza".

La consegna del Pegaso d'oro è prevista il 13 dicembre, alle ore 15.00, presso la Sala Pegaso della Regione Toscana, piazza del Duomo 10 a Firenze. Kosrat interverrà la mattina dello stesso giorno al Meeting sui diritti umani della Regione Toscana presso il Mandela Forum di Firenze. In passato, il Pegaso d'Oro della Regione Toscana è stato assegnato a personalità internazionali impegnate nella difesa dei diritti come Aung Sa Suu Kyi, Ingrid Betancour e Luis Sepùlveda.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa