:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

“Non è la diversità che distrugge”: torna il festival di video arte dedicato alle migrazioni

La manifestazione promossa dall’associazione FestArte si svolgerà dal 15 al 18 dicembre, presso la galleria On art e il Nuovo Cinema L’Aquila di Roma. Sedici le opere in gara. Durante la serata di premiazione un incontro-dibattito sulle identità migranti

13 dicembre 2016

ROMA – Sedici opere video, realizzate da artisti e da giovani esordienti che parlano di migrazioni da diverse prospettive e punti di vista. Si apre giovedì 15 dicembre a Roma la VI edizione di FestArte Video Art festival, la manifestazione curata dall’associazione culturale FestArte, con il contributo della Regione Lazio, assessorato Cultura e politiche giovanili. Il festival dal titolo “Global migration- non è la diversità che distrugge” si svolgerà dal 15 al 18 dicembre presso la galleria On art e il Nuovo cinema Aquila, partner dell’evento. 

L’obiettivo, spiega l’associazione è “proporre uno sviluppo nei rapporti tra i popoli, fondato sull’uguaglianza tra uomini e donne e sulla diversità come realtà positivamente problematica, foriera di uno sviluppo umano possibile”. Le opere riceveranno il premio del pubblico, coinvolto in prima persona nel selezionare e votare il miglior video. “Vogliamo aprire varchi emotivi in grado di scrivere un nuovo glossario di visioni – aggiunge FestArte -. Non numeri, commemorazioni di morte e non solo con un pubblico già sensibile, ma vita, risposte e cultura per tutti”. 

La commissione di valutazione del festival è stata presieduta da Anna Maria Angelucci, direttore di On art; Eugenia Battisti, storica dell’arte contemporanea e direttore dell’archivio Eugenio Battisti; Cecilia Cicci art curator; Rosetta Gozzini art curator; Anouscka Brodacz presidente Gruppo Alhena; Valerio De Filippis artista; Flore Murard-Yovanovitch giornalista e scrittrice, esperta di migrazione. La supervisione è stata affidata a Lorena Benatti Art Director del Festival. 

In particolare, gli artisti selezionati in concorso sono:  Ryan Spring Dooley,  Azzurra De Gregorio, Silvia De Gennaro, Rosa Catalano, Paolo Bandinu, Iginio De Luca, Leonardo Cinieri Lombroso, Tseng Kuang yi, Mattia Napoli, Francesco Di Giovanni, Gianni Godi, Brigitte Neufeldt, Jago, Anna Ilin, Luca Lunardi, Tomaso Mannoni, Anna Lauenstein, Liuba e Werther Germondari.  

Il festival prende il via giovedì presso la galleria On art, con la prima proiezione dei video in concorso. Presegue venerdi e sabato con incontri e dibattiti sul tema. Domenica sera, a partire dalle ore 19, è invece prevista la premiazione delle opere vincitrici. Seguirà un incontro-dibattito sulle “identità migranti”. Intervengono: Jago, artista della Croce Rossa Italiana; Flore Murard Yovanovitch giornalista; Ilaria Bonaccorsi direttore del settimanale Left; Cooperativa Di Psicoterapia Medica. Modera Eleonora Camilli, giornalista di Redattore sociale. Vai al programma completo. 

© Copyright Redattore Sociale

Tag: migranti

Stampa Stampa