:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Volontariato: i Csv pronti per un riconoscimento nazionale

Al convegno di Isfol-Inapp e Ministero del Lavoro sulla New Skills Agenda for Europe il direttore di CSVnet candida i Centri di Servizio alla definizione di un sistema comune di validazione delle competenze acquisite dai volontari degli enti di terzo settore in ambito non formale e informale

17 dicembre 2016

ROMA -I Csv sono pronti per un riconosimento nazionale. E' quanto è emerso durante il convegno Isfol-Inapp e ministero del Lavoro sulla New Skills Agenda for Europe, una nuova agenda globale che intende contrastare le criticità legate alle competenze che espongono fortemente i cittadini al rischio di disoccupazione, di povertà e di esclusione sociale, proponendo 10 iniziative concrete da attuare nei prossimi 2 anni. 

L’obiettivo principale dell’incontro è stato però la presentazione degli esiti di una ricerca-intervento condotta dall’ISFOL a partire dal 2013 che ha portato alla realizzazione dell’Atlante del Lavoro e delle Qualificazioni. La ricerca è stata condotta con un Gruppo tecnico costituito dal Ministero del lavoro e dalle Regioni e realizzata nell’ambito del più ampio tema relativo al Repertorio Nazionale delle qualificazioni che mira ad un riordino del “sistema delle qualificazioni”, inserendo in una stessa cornice qualificazioni rilasciate in diversi ambiti come: scuola, università, istruzione e formazione professionale, le qualificazioni regionali, quelle acquisite per il tramite di un contratto di apprendistato, le professioni normate a vari livelli e in diversi contesti.

La descrizione dei contenuti del lavoro proposta nell’Atlante è consultabile attraverso uno schema di classificazione ad albero che a partire dai rami principali costituiti dai Settori Economico Professionali (SEP), via via identifica all’interno di essi i principali processi di lavoro, a loro volta suddivisi in sequenze di processo e aree di attività (Ada). L’ADA è la principale unità informativa dell’Atlante, e contiene la descrizione delle singole attività che la costituiscono, i prodotti e i servizi attesi nonché i riferimenti ai codici statistici delle classificazioni ISTAT delle attività economiche e delle professioni.

Le potenzialità dell’Atlante sono state discusse in una Tavola Rotonda alla quale hanno partecipato rappresentanti di varie realtà (Fondo Banche e Assicurazioni, Regione Emilia Romagna, IRES Piemonte, Regione Lazio, Ente Bilaterale Agricolo Nazionale) che si sono confrontate sul suo utilizzo per lo sviluppo dell’apprendimento permanente e le politiche attive del lavoro.

Sono state illustrate anche le prospettive e le articolazioni dei servizi di validazione e certificazione delle competenze, ponendo l’attenzione sugli apprendimenti in contesti non formali e informali per i quali sono stati portati ad esempio il servizio civile nell’ambito di Garanzia Giovani, la situazione di migranti e rifugiati e il volontariato. Su questo ultimo punto in particolare è stato invitato ad intervenire il direttore di CSVnet Roberto Museo che ha ricordato come il volontariato è da tempo riconosciuto quale contesto privilegiato  per sviluppare competenze e acquisire esperienze utili all’accrescimento personale e per l’occupabilità.

In questo quadro alcuni Centri di Servizio per il Volontariato (CSV) si sono attivati nel promuovere modelli di identificazione, messa in trasparenza, riconoscimento e  validazione delle competenze acquisite in contesti non formali e informali e nell’elaborare strumenti per valorizzare i volontari e le esperienze di volontariato. L’assenza, fino ad ora, di un quadro nazionale di riferimento ha rischiato di portare i CSV ad utilizzare ognuno i propri modelli e strumenti, elaborati a livello locale e/o europeo, senza possibilità di  applicazione condivisa.

I Centri di Servizio per il Volontariato che fanno parte della rete di CSVnet dispongono della struttura e delle competenze necessarie per aiutare le associazioni ad “ancorare” le attività dichiarate in un “progetto” di volontariato alle Aree di Attività e allo stesso tempo testare l’Atlante per capire se e quanto possa essere integrato per aderire meglio alle specificità del volontariato. Allo stesso tempo i Csv sono in grado di formare gli operatori per farli diventare capaci non solo della messa in trasparenza, ma anche della validazione delle competenze apprese in ambito non formale ed informale. E in questo quadro Csvnet si è candidato a pieno titolo a partecipare attivamente al percorso istituzionale che porti alla definizione di un sistema comune di validazione delle competenze acquisite nel volontariato in linea con il quadro nazionale.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa