:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

"Bus": borse lavoro per le vittime di sfruttamento, parte la raccolta fondi

L'acronimo significa "Buone uscite dallo sfruttamento". Iniziativa della comunità Progetto Sud. Attiva la piattaforma per il crowfunding: le somme raccolte finanzieranno le borse lavoro per uomini e donne da inserire nel contesto economico e sociale

27 dicembre 2016

Cartolina Progetto Bus

LAMEZIA - L’acronimo è Bus e significa “Buone uscite dallo sfruttamento”, si tratta di un progetto ideato dalla Comunità Progetto Sud di Lamezia Terme, fondata e presieduta da don Giacomo Panizza. Il progetto, cui danno il loro apporto diverse realtà locali e che vanta il sostegno della Fondazione con il Sud, è una sfida in quanto intende essere un concreto contrasto alle forme di sfruttamento lavorativo, sessuale e all'accattonaggio offrendo alle vittime un’alternativa dignitosa di emancipazione e inclusione sociale. L’obbiettivo principale del progetto è quello di costruire un sistema comunitario di sicurezza sociale, lavorativa e sanitaria che, facendo seguito ai dettami del welfare generativo, non si basi solo su forme assistenziali, ma sia in grado promuovere degli scambi in un contesto comunitario. - Ciò, al fine di rendere pubblica la capacità solidale e inclusiva di una società e di creare relazioni con donne e uomini sfruttati affinché venga loro riconosciuta la capacità di dono e di generare a loro volta azioni solidali per e con la comunità.

A sostegno degli obiettivi del progetto Bus è attiva da qualche giorno una piattaforma per il crowdfunding che mira a raggiungere una somma pari a 5 mila euro. Risorse che saranno utilizzate per finanziare borse lavoro necessarie alla regolarizzazione lavorativa e all'inclusione sociale delle vittime di sfruttamento inserite nel progetto.

Contribuire  al progetto significa partecipare alla costruzione di una società più giusta e più accogliente; credere nell’universalità del riconoscimento dei diritti, implicando la prevenzione e il superamento di forme di ingiustizia sociale e di mancanza di rispetto della dignità umana. A questo link è possibile donare anche piccole somme ma che, messe insieme, costruiranno una speranza per chi ha scelto di cambiare vita. (msc)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa