:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Terremoto, parte la raccolta fondi per il progetto "Ricostruzione trasparente"

L’associazione Ondata lancia il crowdfunding per far nascere la piattaforma che ha l'obiettivo di raccogliere, analizzare e rendere fruibili a chiunque i dati e le analisi sul monitoraggio della ricostruzione nei luoghi colpiti dal sisma del centro Italia. Più di 2600 euro raccolti in una settimana

28 dicembre 2016

ROMA - Come verranno spesi i soldi della ricostruzione dei terremoti nel Centro Italia del 2016? E dove? Chi saranno i destinatari, i fornitori, le imprese che interverranno? 
“Ricostruzione Trasparente” nasce per rispondere a queste domande. Promosso dall’Associazione Ondata, il progetto è stato lanciato una settimana fa con un crowdfunding sulla  piattaforma Produzioni Dal Basso, tra le campagne promosse da Banca Etica. Tra i partner: Action Aid, Wikimedia Italia e la piattaforma Terremotocentroitalia.info.
 
- "L’idea - si legge in una nota - si fonda su alcune delle esperienze principali dell’associazione Ondata quali Confiscati Bene per il monitoraggio dei beni confiscati alle mafie e Albo Pop, un’iniziativa promossa da Andrea Borruso, presidente di Ondata, attraverso la quale una ricca comunità di attivisti digitali cerca soluzioni tecnologiche per rendere più facilmente fruibili gli albi pretori dei propri comuni. L’obiettivo è fondere i metodi partecipativi, tecnologici e innovativi di Confiscati Bene ed Albo POP per far nascere una piattaforma unitaria e comunitaria destinata a raccogliere, analizzare e rendere fruibili a chiunque i dati grezzi e le analisi sul monitoraggio della ricostruzione che, secondo il decreto legge n. 189 del 17 ottobre 2016, prevede un risarcimento del 100% anche per i privati danneggiati dal sisma (art. 5) oltre che il finanziamento di numerose opere pubbliche".
 
"La piattaforma raccoglierà i dati dell’Albo pretorio delle pubbliche amministrazioni coinvolte nella ricostruzione anche attraverso la digitalizzazione, classificazione ed indicizzazione dei contenuti presenti nei file pdf pubblicati, estraendo le informazioni utili a identificare imprese, tecnici ed amministrazioni coinvolte in ogni pratica di risarcimento o di appalto. A una settimana sono più di 65 i donatori, per un totale di più di 2600 euro raccolti. Ricostruzione Trasparente è stato selezionato da Banca Etica come progetto di crowdfunding  ospitato dalla sua piattaforma, con il diritto ad avere una donazione pari massimo al 25% dell'obiettivo di raccolta del progetto presentato, che verrà conferita al raggiungimento del 75% del budget sulla piattaforma di crowdfunding. Ricostruzione Trasparente verrà realizzata infatti se raggiungerà la quota di donazioni di 15mila euro.
 
Action Aid, ong italiana che combatte povertà e ingiustizia sociale attraverso progetti in 45 paesi, campagne e solidarietà internazionale, è il main partner di questo progetto e si è impegnata a donare un euro per ogni euro donato fino ad un massimo di 5 mila euro.
 
Tra gli altri partner: Openpolis, ActionAid, Cittadinanza Attiva, Banca Etica, Terremotocentroitalia.info, InformaEtica, Prof. Pierluigi Feliciati, Stati Generali dell'Innovazione, Wikimedia Italia.
 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa