:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Oltre 3 milioni di visite per la canzone dei ragazzi dell’Istituto Tumori di Milano

Si chiama “Palle di Natale”, perché le loro teste senza capelli somigliano a palle, ma anche perché l’espressione è ricorrente nelle loro corsie: ma la paura e la sofferenza lasciano il posto alla musica e alla speranza. E conquistano l’Italia con la loro incredibile allegria

28 dicembre 2016

ROMA – Il Natale è passato, ma le feste non sono finite. E gli ascolti continuano a salire. Ha superato i 3 milioni di visualizzazioni il video musicale “Palle di Natale”, realizzato dagli adolescenti del "Progetto Giovani" della Pediatria Oncologica della Fondazione Irccs – Istituto nazionale dei tumori di Milano, con la collaborazione di Stefano Signoroni, Giacomo Ruggeri, Tommaso Ruggeri, Jacopo Sarno, Andrea Vigentini, Marco Scipione e Massimiliano Paganin. 

- Un video che ha lo scopo di raccogliere fondi a sostegno della ricerca, tramite l’acquisto della canzone su iTunes. Ma ha soprattutto lo scopo di portare allegria e speranza nelle corsie dell’ospedale e far arrivare il sorriso di questi giovani nelle case addobbate a festa per il Natale. La musica e il canto dei giovani che vincono il dolore e la paura, sfidando la malattia con le loro voci e la loro capacità di divertirsi e star bene oltre ogni speranza.

Come spiega lo stesso Istituto in una nota, “Palle di Natale” sono “le teste dei ragazzi, spesso senza capelli a causa delle terapie. Ma sono anche le esclamazioni consuete dei giovani pazienti: ‘Che palle, devo fare un’altra visita’. Sono le bugie che temono possano essere raccontate loro. Le ‘palle di Natale’ sono quelle usate per addobbare l'albero, quelle che riportano i nostri pensieri al periodo delle feste”.

La canzone è stata realizzata dai ragazzi insieme ai medici del reparto, che li seguono nelle terapie e li accompagnano nel loro percorso di cura. Coma hanno raccontato gli stessi ragazzi nei giorni scorsi, in conferenza stampa, “Palle di Natale” è “il racconto di un Natale diverso, trascorso in una corsia di ospedale e con l'angoscia di una diagnosi di tumore, con la forza e la caparbietà di chi vuole solo trascorrere le feste in modo normale. E’ il nostro Natale vissuto con allegria e voglia di stare insieme”.

Protagonisti del video sono 29 giovani pazienti tra i 15 e i 25 anni: 18 in cura, 11 fuori trattamento. Cantano, anche in inglese, che “nonostante tutto è Natale (un buon Natale), il cuore è pieno di gioia e di speranza, (tutto ciò che desidero per te), di felicità e delle piccole cose che ti fanno ridere, tutto ciò che voglio per Natale è il tuo sorriso!” 

Il video è diventato virale già nelle prime ore dopo la pubblicazione, ma le visualizzazioni e le condivisioni, tramite i vari strumenti social, stanno continuando a crescere: in meno di una settimana, solo su Youtube, è stato visto da 3,3 milioni di persone. Segno che la musica in ospedale può fare davvero grandi cose: ed è forse per questo che sempre più le note e gli strumenti stanno entrando nelle corsie, soprattutto pediatriche, grazie in particolare all’impegno e alla dedizione dei volontari. 

© Copyright Redattore Sociale

Tag: istituto tumori milano, tumori, Musica

Ti potrebbe interessare anche…

Stampa Stampa