:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Malati di Parkinson lanciano raccolta fondi: aiutateci a comprare il pulmino

Attivo fino al 26 febbraio il crowdfunding promosso dall’Associazione Parkinson Rovigo insieme al Csv provinciale. Il mezzo sarà utilizzato anche da persone anziane o disabili per partecipare ad attività di riabilitazione fisica, aiuto psicologico e socializzazione

18 gennaio 2017

Roma - Al via da oggi la campagna di raccolta fondi “Pulmino amico” promossa dall’associazione Parkinson Rovigo insieme al Csv provinciale. L’obiettivo è l’acquisto di un mezzo attrezzato che consentirà ai malati di partecipare ad attività di riabilitazione fisica, aiuto psicologico e socializzazione. L’80% dei fondi necessari sono coperti dalla Fondazione cassa di risparmio di Padova e Rovigo; il restante 20%, ovvero 5.390 euro, dipenderà dalla generosità di cittadini o imprese che potranno donare liberamente attraverso la piattaforma di crowdfunding Idea Ginger

- “Siamo un gruppo di persone che tentano di combattere insieme una battaglia terribile – scrivono i promotori sul sito. - Abbiamo la malattia di Parkinson e, credeteci, la nostra vita non è facile. Ma non è nemmeno così impossibile come lo era fino a pochi anni fa. Uno degli scogli più gravi è la necessità di spostarsi per le frequenti visite neurologiche o per semplici analisi di laboratorio. Abbiamo un sogno: comprare un pulmino attrezzato, ci vuoi aiutare? A voi non cambia la vita, a noi sì”, concludono i promotori.
“Immaginatevi una coppia di anziani, con uno dei coniugi che assiste l’altro malato – esemplifica Carlo Pipinato, vicepresidente dell’associazione. – Spesso le persone non ce la fanno e mollano: non fanno le visite mediche, non fanno attività fisica, non escono più di casa. Da qui nasce il bisogno di un mezzo nostro”. 

Il morbo di Parkinson in Polesine e nella bassa padovana coinvolge circa 750 persone e 3.000 familiari. La malattia causa problemi non solo fisici, ma anche psicologici: interessando il cervello, infatti, può portare a fenomeni di depressione, che si aggravano con l’isolamento sociale e la mancanza di stimoli.
Il pulmino sarà usato per garantire un servizio di trasporto a persone che necessitano di visite neurologiche, sedute fisiatriche e incontri di psicoterapia, non solo con morbo di Parkinson ma, in generale, non autosufficienti nel trasporto. 
L’associazione, infatti, ha coinvolto nel progetto anche le Auser di Rovigo, Adria e San Martino di Venezze, l’Aitsam di Rovigo, l’associazione Down Dadi di Adria, la Uisp e l’associazione Comete, che si occupano anche dei bisogni di persone anziane o disabili.

La campagna di crowdfunding chiuderà il prossimo 26 febbraio ma è possibile sostenere l’associazione anche tramite bonifico bancario, indicando la causale “Donazione a favore dell’Associazione Parkinson & Amici Onlus – Progetto Pulmini”, sull’Iban IT32W0335901600100000070529. 
Per chi volesse contribuire in altro modo, si può contattare l’associazione a questi numeri: 338 6400857 (Libera Santato), 345 8916020 (Gianfelice Finotto), 340 6110110 (Carlo Pipinato). 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa