:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Sostegno, la riforma non piace alle associazioni: "Faremo dura battaglia"

Salvatore Nocera (Fish) e Dario Ianes (Università di Bolzano) esaminano il decreto sull’inclusione. Pochi gli aspetti positivi, tante le criticità. Nocera: “C’è la drittata che innalza il tetto massimo degli alunni. E le prove differenziate non portano più al diploma”. Ianes: “Meccanismi repressivi per ridurre le ore”

19 gennaio 2017

- ROMA – Non è una bocciatura netta, ma la sufficienza decisamente non c’è: la riforma del sostegno non soddisfa chi si occupa da sempre di questa materia. Contenuta nel il decreto della Buona scuola relativo all'inclusione, approvato sabato scorso dal Consiglio dei ministri, il decreto “tradisce” le aspettative delle associazioni e nasconde addirittura delle “trappole”. A riferirlo a Redattore sociale sono due esperti di inclusione, uno per gli aspetti giuridici e normativi, l’altro per gli  aspetti strettamente didattici e pedagogici: Salvatore Nocera, avvocato membro della Fish e dell’Osservatorio permanente sull’inclusione scolastica; e Dario Ianes, docente di Pedagogia e didattica speciale all'università di Bolzano e responsabile delle Edizioni Erickson. 

Nocera: “addio diploma per chi ha una grave disabilità intellettiva”. Salvatore Nocera evidenzia molti aspetti critici del testo del decreto. Tra questi, c’è “una vera e propria 'drittata' rispetto alla formazione delle classi. Con il Dpr 81/2009, avevamo ottenuto nell’articolo 5, che una classe con alunni disabili di norma non dovesse avere più di 20 alunni. Con l’articolo 4 avevamo poi posto un limite alle eccezioni, possibili sono in caso di eccesso di iscrizioni e nella misura massima del 10%. 22 alunni diventava così il tetto massimo previsto in casi straordinari..Ora i legislatori hanno preso solo l’articolo 5 comma e hanno scritto “di norma 22”. In questo modo, non solo si alza il tetto, ma non si prevede più alcun limite alle eccezioni. Oggi avremo una riunione con la Fish: discuteremo sulle proposte da avanzare, ma credo che, su questo punto in particolare, faremo dura battaglia”.  E c’è un altro aspetto particolarmente preoccupante, che però si trova in un altro decreto della Buona scuola, quello sulla valutazione degli alunni: “

Prove differenziate senza diploma. C’è poi un punto molto critico, che si trova in un altro decreto, quello sulla valutazione degli alunni: di fatto vengono eliminate le prove differenziate con conseguente diploma, spesso adottate per gli alunni con disabilità intellettiva o pluriminorati, previste dall’articolo 16 della legge 104/92. “Queste prove erano fatte in modo differenziato, non secondo i programmi ministeriali ma sulla base delle effettive capacità dell’alunno e gli permettevano di avere il diploma, in caso avesse raggiunto gli obiettivi del Pei e avesse migliorato le proprie capacità – ricorda Nocera - Ora invece restano solo le prove equipollenti, che chiedono all’unno di raggiungere gli obiettivi nazionale. Se non li raggiunge, non potrà avere il diploma, ma solo l’attestato di frequenza. E questo non ci convince affatto”.

Ianes: “la formazione che non c’è”. Per Dario Ianes la riforma tradisce molte delle istanze sollevate dalle associazioni e contenute nella proposta di legge 2444 presentata da Fish e Fand. Tra queste, la formazione dei docenti. Partiamo da quelli di sostegno: “non c’è di fatto, alcun aumento dei crediti. Si parla di 120 cfu necessario, ma poi si precisa che 60 possono essere riconosciuti con le esperienze pregresse. Sono convinto che, per la scuola primaria, si diventerà insegnante di sostegno con 60 crediti o poco più”. Completamente assente, poi, la formazione sull’inclusione per i docenti curricolari “che pure le associazioni avevano chiesto con forza”. E c’è un altro aspetto molto preoccupante: “Le nuove modalità di richiesta delle ore di sostegno, con la nascita del Git e la sua composizione, nascondono in realtà meccanismi repressivi, orientati alla riduzione delle ore di sostegno. Poco innovativa, molto repressiva: questa la riforma del sostegno che ci troviamo davanti”. (cl)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Dario Ianes, Salvatore Nocera, La buona scuola, Fish, Fand, Sostegno scolastico, Insegnante di sostegno

Stampa Stampa