:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

L'isola degli albini, rifugio contro pregiudizi e persecuzioni

L’isola di Ukerewe, sul Lago Vittoria in Tanzania, vanta la più alta concentrazione al mondo di persone colpite da questa anomalia genetica. Nel resto del Paese sono perseguitati e uccisi per superstizione. Qui vivono in pace ma la loro serenità è minacciata

22 gennaio 2017

- Roma - L’isola di Ukerewe, sul Lago Vittoria in Tanzania, vanta la più alta concentrazione di albini al mondo. E’ un rifugio sicuro, un luogo protetto dalle acque dove possono sfuggire ai pregiudizi e alle persecuzioni che mettono in serio pericolo la loro vita. Per anni le persone affette da questa malattia genetica hanno vissuto tranquille su questa isola. Ma ora la paura è arrivata anche lì con il tentativo di rapimento di una bambina di quattro anni da parte di alcuni sconosciuti arrivati su un imbarcazione. Lo riporta un articolo di Irene Fornasiero pubblicato dal mensile Africa.  

Persecuzioni e omicidi. In Tanzania, le persone che manifestano questo disturbo congenito dovuto alla mancanza di melanina subiscono fin da bambine angherie e maltrattamenti e da adulte sono relegate ai margini della società. Le donne rischiano di essere violentate e contagiate dal virus dell’Hiv, in quanto si crede che il sesso con una persona albina possa curare l’Aids. La superstizione condanna a volte gli albini ad una morte atroce: è infatti opinione diffusa che le parti del loro corpo siano utili a realizzare potenti talismani.

L’isola “felice”. E’ proprio per sfuggire a questa caccia all’uomo che una decina di anni fa alcuni albini tanzaniani si rifugiarono a Ukerewe, la più grande isola del più grande lago d’Africa: ai loro occhi un luogo sufficientemente sicuro. “La nostra comunità è composta da un’ottantina di persone di ogni età – racconta un abitante dell’isola nell’articolo. – Viviamo in armonia con il resto della popolazione locale. Non siamo ghettizzati come accade nel resto della Tanzania. […] Siamo tutti pescatori, poveri ma dignitosi. Tra noi c’è solidarietà, rispetto e mutuo soccorso”.

L’unione fa la forza. Gli albini di Ukerewe si sono dotati di una clinica specializzata nella cura delle malattie della pelle. Il cancro della cute infatti è la principale causa di morte per le presone affette da questa anomalia genetica. Non solo: sull’isola c’è un ufficio legale che difende i diritti civili della minoranza “bianca”. Ma le minacce arrivano soprattutto dall’esterno. Il mercato degli organi degli albini fa gola a molti trafficanti senza scrupoli. Un arto può essere venduto a 600 dollari mentre un corpo intero anche a 75 mila. Negli ultimi 15 anni in Tanzania sono stati uccisi almeno 80 albini ma il problema riguarda anche altri Paesi africani, dall’Uganda al Burundi fino al Malawi.

In soccorso dei tanti albini che vivono nel terrore arriva l’appello della Ukerewe albino society: "Chiunque si trovi in pericolo o si senta minacciato è benvenuto sulla nostra isola. Qui possiamo imparare a difenderci e tornare a vivere in pace.” 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa