:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Calcio, debutta "Quarta categoria": 8 squadre aprono agli atleti disabili

Il progetto si chiama “Iovogliogiocareacalcio, calcio e disabilità: fischio d'inizio per Quarta Categoria”. Aderiscono 8 squadre della Lega Serie A Tim, che forniranno Team tecnico, allenamenti specializzati e un campionato dedicato. Il 21 gennaio la prima partita

20 gennaio 2017

ROMA - La chiamano “Quarta categoria”, ma sono atleti a tutti gli effetti: e da domani faranno parte di squadre ufficiali, vestendo le relative divise. Sono i giovani calciatori con disabilità, che “debutteranno” ufficialmente il 21 gennaio. Il progetto si chiama “#iovogliogiocareacalcio, calcio e disabilità: fischio d'inizio per Quarta Categoria” ed è stato presentato nei giorni scorsi a Roma, presso il Senato. La “Quarta categoria” entrerà in campo a partire da domani, con il sostegno e il riconoscimento della Figc e del Csi. Alla presentazione erano infatti presenti, oltre al presidente del Senato Grasso e altri senatori, il presidente della Figc Carlo Tavecchio, il presidente della Lega Serie A Maurizio Beretta, il presidente della Lega Serie B Andrea Abodi.

Ad aderire al progetto, aprendo i propri campi ai giovani atleti disabili, sono otto squadre della Serie A Tim: A.C. Milan – Briantea84, F.C. Internazionale – Sporting4E, Genoa C.F.C. - ASD Calcio 21, Cagliari Calcio - Fuorigioco di Mantova, A.C.F. Fiorentina – Ossona, U. S. Sassuolo Calcio - Tukiki Minerva, S. S. Lazio - Gea Ticinia Novara, Udinese Calcio – Vignareal. Queste non solo forniranno ai ragazzi divise e kit tecnico, ma li accompagneranno al campionato dedicato, che si svolgerà, a partire da domani, il sabato dalle 14 alle 16 al centro del Football City, in Piazza Tirana n. 17, eccetto la finale che si giocherà al campo dell'ASD Pontelambrese il 13 maggio. Le partite dureranno complessivamente 30 minuti con un intervallo di 5 tra il primo e il secondo tempo.

Il progetto prevede anche corsi specifici per gli allenatori che volessero allenare atleti diversamente abili per garantire ai ragazzi mister altamente qualificati e speciaizzati.

 

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Sport disabili, Calcio, Sport per tutti

Stampa Stampa