:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Frutta e panini avanzati all’asilo donati ai senza dimora

Collaborazione tra la cooperativa Cadiai, che gestisce la Scuola d’infanzia “Progetto 1-6” e il Piano freddo del comune di Bologna. Il cibo sarà donato al punto di accoglienza di via dello Scalo. “L’iniziativa è stata condivisa con tutte le famiglie che l’hanno accolta senza alcuna resistenza”

21 gennaio 2017

BOX BOLOGNA – Da qualche giorno la frutta e i panini non consumati dai bambini alla mensa della Scuola d’infanzia “Progetto 1-6” vengono consegnati al punto di accoglienza notturna per persone senza dimora di via dello Scalo a Bologna. L’iniziativa è frutto della collaborazione tra la cooperativa sociale Cadiai, che gestisce l’asilo, e il Piano freddo del Comune di Bologna. “L’idea di consegnare alla struttura di via dello Scalo il cibo in eccedenza ci è sembrato il modo migliore per dare una mano concreta, considerata la vicinanza tra la scuola e il punto di accoglienza”, ha spiegato Franca Guglielmetti, presidente di Cadiai. Gli operatori della cooperativa Dolce, che gestisce la struttura per conto del Consorzio Indaco, si sono resi disponibili a ritirare ogni giorno il cibo in eccedenza, in media 30 panini e 20 pezzi di frutta, unici alimenti che per motivi igienici possono essere consegnati. “L’iniziativa è stata condivisa con tutte le famiglie che l’hanno accolta senza alcuna resistenza”, ha continua Guglielmetti. Il progetto è partito il 18 gennaio e proseguirà fino alla chiusura del punto di accoglienza, prevista per la fine di marzo. La cooperativa Cadiai ha, inoltre, contribuito agli interventi integrati verso le persone in condizioni di vulnerabilità con la consegna al Centro di accoglienza Beltrame di alcuni letti, precedentemente utilizzati nella struttura per anziani di Crevalcore. (lp)

 

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Solidarietà, Senza dimora

Stampa Stampa