:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Lebbra, un nuovo caso ogni due minuti: il 29 gennaio la Giornata mondiale

Ogni anno 210 mila persone vengono colpite dalla lebbra: una malattia che si può prevenire e curare, combattendo anche il pregiudizio. Lo fa l'Aifo, con lo “sviluppo inclusivo su base comunitaria”. In occasione della Giornata mondiale, si potranno sostenere i suoi progetti, con il Miele della solidarietà

28 gennaio 2017

ROMA – Sono circa 210 mila le persone che ogni anno vengono colpite dalla lebbra: un nuovo caso ogni 2 minuti. Una malattia grave, che si può prevenire e curare, combattendo però anche i pregiudizi da cui è ancora avvolta. Il 29 gennaio sarà la Giornata mondiale dei malati di lebbra: tra le tanti associazioni che aderiranno a questa -64a edizione, c'è anche Aifo, che nei suoi progetti adotta un approccio chiamato “sviluppo inclusivo su base comunitaria”, nella convinzione che “la salute, il benessere e la felicità debbano essere condivisi tra tutte le persone di un villaggio o di un quartiere – spiega l'associazione - 'Nessuno può essere felice da solo', diceva il nostro fondatore Raoul Follereau (1903-1977). Questo principio ci ha guidato nel curare milioni di persone nel mondo e nel ridare loro dignità e diritti”.

Per sostenere i progetti dell'associazione, migliaia di volontari domenica prossima saranno nelle piazze italiane, per offrire il “Miele della solidarietà” e altri prodotti eco-solidali. Sabato 28 e domenica 29 gennaio il messaggio della Giornata sarà portato anche negli stadi di calcio, sostenuto dall’Associazione Italiana degli Allenatori (AIAC) e dalla Lega Calcio Serie A. Un gruppo di volontari Aifo sarà domenica in piazza San Pietro ad ascoltare la parola di papa Francesco.  

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Giornata lebbra, Aifo, lebbra

Stampa Stampa