:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Malata di Parkinson e poetessa: Robin Morgan e "il lato notturno della vita"

L’intellettuale americana ha scritto quattro poesie su quello che sta vivendo da quando le è stato diagnostico il morbo di Parkinson. Il 14 febbraio interverrà con un collegamento telefonico alla Casa della cultura di Milano in una serata dedicata a lei. Parteciperanno don Vinicio Albanesi e Maria Nadotti

09 febbraio 2017

- MILANO - "Serbaci, in mezzo a questi fremiti, un luogo per la quiete". Così parla al suo cervello, malato di Parkinson, Robin Morgan, poeta, romanziera, saggista, figura di punta del movimento femminista. Dopo che le è stata diagnostica la malattia, ha scritto poesie in cui esprime quel che sta vivendo. "Serbaci, nel grigio che incupisce, uno spazio per il riso. Serbaci, nel ticchettare delle ore, un tempo per fare poesie", scrive cercando un patto con la sua "materia grigia". Le malattie degenerative del cervello avvolgono nel silenzio chi ne è affetto. Difficile che un paziente riesca a raccontare se stesso. Ed è per questo che le poesie di Robin Morgan sono preziosissime. Il 14 febbraio sarà protagonista alla Casa della Cultura di Milano (via Borgogna 3, alle ore 21) in una serata dal titolo "Il lato notturno della vita". Ci sarà un collegamento telefonico con lei, da New York, e poi l'attrice Anna Nogara leggerà quattro sue poesie, tradotte da Maria Nadotti. Saranno discusse dalla stessa Nadotti insieme a don Vinicio Albanesi, responsabile della Comunità di Capodarco.

Per Maria Nadotti i testi di Robin Morgan sono "miracolosamente lievi e tumultuosamente vitali”. “Nessun microscopio vede quello che può vedere la poesia”, scrive Morgan, come ad affermare che solo questo linguaggio poteva esprimere i cambiamenti generati dalla malattia: quel “trovarmi tutta scatti proprio quando stavo scoprendo il valore della quiete”, quel dover “accettare l’aiuto irritante di chi ti ama”, quel dover fare i conti con un cervello “degenerato – pare un giudizio morale”. A questo indirizzo www.doppiozero.com/materiali/­materia-g­rigia è possibile leggere la prima delle sue quattro poesie tradotte in italiano, con un saggio introduttivo di Maria Nadotti.

Robin Morgan è nata nel 1941. Già bambina cura un programma radiofonico. Ma è solo l'inizio di una vita in cui scriverà oltre venti tra saggi, libri di poesia e romanzi di successo. Diventa tra le più importanti teoriche del femminismo mondiale e al centro di tutte le mobilitazioni politiche, dalla guerra del Vietnam in poi.
“Nemica della lingua di legno tanto cara al potere, che omologa, confonde, riduce al silenzio”, conclude Nadotti nel suo saggio, Morgan continua a scegliere “di affidarsi alle metafore, alle ‘idee emozionate’ della poesia, piuttosto che alla geometria fredda dei linguaggi ‘specialistici’”. Una scelta divenuta inevitabilmente la sua “sfida” alla malattia, ma anche alla società. (dp)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Parkinson, Disabilità

Stampa Stampa