:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Da Trump a Orbàn, il 2016 è l'anno della paura. "Tornati agli anni 30"

Lo dice il rapporto 2016-2017 di Amnesty International che analizza lo stato dei diritti umani in 159 paesi. “I governi hanno chiuso gli occhi di fronte a crimini di guerra, favorito accordi che pregiudicano il diritto a chiedere asilo, approvato leggi che violano la libertà di espressione". Migranti e rifugiati facili capri espiatori

22 febbraio 2017

Donald Trump a un comizio

ROMA - "Il 2016 è stato l'anno in cui il cinico uso della narrativa del noi contro loro, basata su demonizzazione, odio e paura, ha raggiunto livelli che non si vedevano dagli - anni Trenta dello scorso secolo. Un numero elevato di politici sta rispondendo ai legittimi timori nel campo economico e della sicurezza con una pericolosa e divisiva manipolazione delle politiche identitarie allo scopo di ottenere consenso”. A sottolinearlo è Salil Shetty, segretario generale di Amnesty International in occasione della presentazione del Rapporto 2016-2017 dell’organizzazione, che analizza lo stato dei diritti umani in 159 paesi. "La fabbrica che produce divisione e paura ha assunto una forza pericolosa nelle questioni mondiali. Da Trump a Orbán, da Erdogan a Duterte, sempre più politici che si definiscono anti-sistema stanno brandendo un'agenda deleteria che perseguita, usa come capri espiatori e disumanizza interi gruppi di persone", ha proseguito Shetty. "Le odierne politiche di demonizzazione spacciano vergognosamente la pericolosa idea che alcune persone siano meno umane di altre, privando in questo modo interi gruppi di persone della loro umanità. Così si rischia di dare via libera ai lati più oscuri della natura umana", ha messo in guardia Shetty.

Le politiche di demonizzazione favoriscono passi indietro nei confronti dei diritti umani. “I profondi cambiamenti politici del 2016 hanno messo in evidenza quanto la retorica dell'odio possa far emergere il lato oscuro della natura umana” – spiega il rapporto. In particolare, secondo Amnesty, la tendenza mondiale verso politiche sempre più aggressive e divisive è stata ben illustrata dalla velenosa retorica utilizzata da Donald Trump nella sua campagna elettorale. Tuttavia, anche in altre parti del mondo i leader politici hanno puntato sulla paura, sulle accuse e sulla divisione per conquistare il potere. Questa retorica sta avendo un impatto sempre più forte sulle politiche e sulle azioni di governo. “Nel 2016 i governi hanno chiuso gli occhi di fronte a crimini di guerra, favorito accordi che pregiudicano il diritto a chiedere asilo, approvato leggi che violano la libertà di espressione, incitato a uccidere persone per il solo fatto di essere accusate di usare droga, giustificato la tortura e la sorveglianza di massa ed esteso già massicci poteri di polizia.

Foto Amnesty international
Rapporto diritti umani 2016 Amnesty international

Migranti e rifugiati come capri espiatori. I governi se la sono presa anche con i rifugiati e i migranti. Il Rapporto 2016-2017 di Amnesty International denuncia che 36 paesi hanno violato il diritto internazionale rimandando illegalmente rifugiati in paesi dove i loro diritti umani erano in pericolo. “Ultimamente, il presidente Trump ha tradotto in azione la sua odiosa campagna elettorale xenofoba firmando decreti per impedire ai rifugiati di ottenere il reinsediamento negli Usa e per vietare l'ingresso nel paese a persone in fuga dalla persecuzione e dalla guerra, come nel caso della Siria. Contemporaneamente l'Australia ha inflitto di proposito sofferenze inaudite ai rifugiati intrappolati a Nauru e sull'isola di Manus, l'Unione europea ha firmato un accordo illegale e irresponsabile con la Turchia per rimandare indietro i rifugiati in un contesto insicuro e Messico e Usa hanno continuato a espellere persone dall'America centrale, dove la violenza ha raggiunto livelli estremi. Cina, Egitto, Etiopia, India, Iran, Thailandia e Turchia hanno attuato massicce repressioni. Altri paesi hanno introdotto invadenti misure di sicurezza, come il prolungato stato d'emergenza in Francia e la legge catastrofica e senza precedenti sulla sorveglianza di massa nel Regno Unito. Un altro aspetto della "politica dell'uomo forte" è stato l'aumento della retorica contro le donne, contrastata in Polonia da enormi proteste, e contro le persone Lgbti.

Agenda disumanizzante per finalità politiche. "Invece di stare dalla parte dei diritti umani, molti leader hanno adottato un'agenda disumanizzante per finalità politiche, violando i diritti di gruppi presi come capri espiatori per ottenere consenso o per distrarre gli elettori dai fallimenti delle politiche economiche e sociali", ha proseguito Shetty.

"Nel 2016 queste forme altamente deleterie di disumanizzazione sono diventate un elemento dominante nel panorama politico mondiale. I limiti di ciò che è accettabile sono stati spostati in avanti. Esponenti politici hanno vergognosamente legittimato ogni sorta di retorica e politica dell'odio basate sull'identità, favorendo la misoginia, il razzismo e l'omofobia", ha accusato Shetty.
"I primi a essere presi di mira sono stati i rifugiati ma, se le cose andranno avanti così, toccherà anche ad altri e assisteremo a nuovi attacchi sulla base della razza, del genere, della nazionalità e della religione. Quando smettiamo di vedere l'altro come un essere umano con gli stessi diritti, siamo un passo più vicini all'abisso", ha commentato Shetty.

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Donald Trump, migranti, Amnesty International, diritti umani

Stampa Stampa