:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Reddito di solidarietà: da 80 a 400 euro su una carta prepagata

Isee inferiore a 3 mila euro, adesione a un progetto di attivazione sociale e inserimento lavorativo, residenza in regione da almeno 2 anni, non percepire altri sostegni: sono i requisiti per richiedere il Res stabiliti dall'Emilia Romagna, misura che potrebbe interessare 80 mila persone

21 febbraio 2017

- BOLOGNA – Nuclei familiari con almeno un membro residente in regione da almeno 2 anni, Isee inferiore o uguale a 3 mila euro, adesione a un progetto di attivazione sociale e di inserimento lavorativo, non percepire altri sostegni analoghi. Sono i requisiti per poter richiedere il Reddito di solidarietà (Res) della Regione Emilia-Romagna, la misura prevista dalla legge 24/2016 per le famiglie in condizione di povertà assoluta, contenuti nel Regolamento attuativo presentato oggi in Commissione Politiche per la salute e Politiche sociali (che ha espresso parere positivo). “Il Regolamento è un importante tassello dell’ampio pacchetto regionale di politiche per il contrasto alla povertà”, ha detto Elisabetta Gualmini, vicepresidente della Regione con delega a Welfare e Politiche abitative. Il Res – per cui la Giunta regionale ha stanziato 35 milioni di euro – va da un minimo di 80 euro per le famiglie con una sola persona a 400 per quelle con 5 o più membri, viene erogato bimestralmente attraverso accredito su una Carta acquisti prepagata, dura 12 mesi superati i quali potrà essere chiesto nuovamente dopo una pausa di 6 mesi. La Regione calcola che la misura potrebbe interessare circa 80 mila persone.  

Per poter beneficiare del Reddito di solidarietà, la famiglia beneficiaria deve accettare un progetto di reinserimento sociale o lavorativo. Nel caso in cui non venga sottoscritto il patto o non vengano rispettati gli obblighi previsti dal progetto di attivazione sociale e inserimento lavorativo o in presenza di comportamenti incompatibili con il progetto da parte dei componenti il nucleo familiare si decade dal beneficio. Saranno i servizi sociali territoriali, in collaborazione con i Centri per l’impiego, a monitorare il rispetto degli impegni presi. La domanda va presentata da uno dei membri della famiglia presso gli sportelli sociali del Comune di residenza. Non possono accedere al Res, i nuclei familiari che già godono dell’Assicurazione sociale per l’impiego (Naspi), dell’assegno di disoccupazione (Asdi) o di un altro ammortizzatore sociale con riferimento agli strumenti di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria. Il Res è anche incompatibile con la fruizione del Sia (Sostegno per l’inclusione attiva) da parte della famiglia. Nel caso in cui alcuni componenti della famiglia usufruiscano di altri trattamenti economici, anche fiscalmente esenti, di natura previdenziale, assistenziale o indennitaria, il loro valore massimo non può superare i 600 euro mensili.  

“La misura regionale estende il sostegno al reddito a tutti i nuclei familiari, anche senza minori o non in grado di accedere alla misura nazionale, il Sostegno all’inclusione attiva, i cui criteri di attribuzione sono stati semplificati in questi giorni dal governo per una più estesa distribuzione – continua Gualmini – C’è poi la Legge regionale 14 sull’inserimento sociale e lavorativo per le categorie più fragili con 20 milioni di euro a disposizione e stanno arrivando ai Comuni i finanziamenti europei straordinari del Piano operativo nazioale per personale a tempo determinato e servizi esterni per il sostegno dell’attuazione delle misure contro la povertà. Siamo di fronte a una strategia complessa e articolata – ha concluso la vicepresidente – che caratterizzerà il welfare del futuro, tanto più se la legge delega sulla povertà inserisce le politiche contro l’indigenza nei Livelli essenziali delle prestazioni”. (lp)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: reddito di solidarietà, Famiglia, Povertà

Stampa Stampa