:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Fa' la cosa giusta!, torna la fiera che coniuga bellezza e sostenibilità

Da venerdì 10 a domenica 12 marzo nei padiglioni di Fieramilanocity, i visitatori troveranno 700 espositori, divisi in 11 sezioni tematiche e sei aree speciali e saranno accolti da 370 appuntamenti, tra laboratori, degustazioni, seminari e presentazioni

01 marzo 2017

MILANO - È la bellezza il filo conduttore della quattordicesima edizione di Fa' la cosa giusta!, la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, organizzata da Terre di mezzo. "È la bellezza che rigenera i territori, che permette di riscoprirli, di creare nuovi legami tra le persone", spiega Miriam Giovanzana, direttore editoriale di Terre di mezzo, che ha presentato questa mattina al Planetario di Milano l'evento. Nei padiglioni 3 e 4 di Fieramilanocity, da venerdì 10 a domenica 12 marzo, i visitatori troveranno 700 espositori, divisi in 11 sezioni tematiche e sei aree speciali e saranno accolti da 370 appuntamenti, tra laboratori, degustazioni, seminari e presentazioni. Numerosi gli ospiti. Beppe Servegnini, che intervisterà Diego Piacentini, ex manager di Apple e Amazon che è ora Commissionario del Governo per l'attuazione dell'Agenda digitale. Mauro Berruto, già allenatore della nazionale di pallavolo, Flavio Tranquillo, "voce del basket" e Gino Cervi, giornalista sportivo, parleranno di "Sport pulito. Per tutti. A partire dai più piccoli". 

- Nella migliore tradizione di Fa' la cosa giusta!, una particolare attenzione viene data alle realtà che avviano progetti economici sostenibili. Come Fairphone, impresa olandese che ha realizzato il primo smartphone sostenibile: buona parte dei suoi componenti infatti sono realizzati con materie prime provenienti da filiere etiche (quindi da miniere non situate in aree di conflitto), con materiali riciclati e con processi produttivi non dannosi per l'ambiente e per i lavoratori. 

Tra i 700 espositori, segnaliamo i 9 piccoli produttori di Umbria, Marche e Lazio colpiti dal terremoto. "La loro partecipazione vuole essere una testimonianza forte di attaccamento al territorio e un invito al pubblico milanese a visitare e vivere i luoghi unici e splendidi di Norcia, della Valnerina e dell'Appennino". Le 11 sezioni sono: Mangia come parli, area Vegan, Street food, Mobilità sostenibile, Cosmesi Naturale e Biologica, Critical fashion, Turismo consapevole e percorsi, Il Pianeta dei piccoli, Abitare green, Servizi per la sostenibilità, Pace e partecipazione. Le aree speciali sono Economia circolare, Salumeria del design, Spazio Donna, Eco wedding, Territori resistenti e Fa' la cosa giusta! Umbria. (dp)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: consumo critico, Fa' la cosa giusta!

Stampa Stampa