:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

"Nonni a scuola di bimbi": parte il corso per prendersi cura dei nipoti

Boom di iscrizioni al progetto che prende il via domani ad Ascoli Piceno grazie alla collaborazione tra Cna e Croce Rossa. Ciclo di lezioni gratuite su: primo soccorso pediatrico, manovre di disostruzione delle vie respiratorie, riconoscimento dei casi di avvelenamento o intossicazione, interventi per stati febbrili, traumi o ferite

03 marzo 2017

ASCOLI PICENO - I nonni tornano sui banchi per imparare a prendersi cura dei nipoti. Si chiama “Nonni a scuola di bimbi” il progetto promosso dalla Cna e dalla Croce Rossa di Ascoli Piceno che sta registrando un boom di iscrizioni, tanto da far prevedere repliche in estate e in altri distretti.
“Si tratta – spiega Anna Rita Pignoloni, responsabile provinciale dell’area sociale della Cna di Ascoli e coordinatrice dei pensionati Cna – di un ciclo di lezioni gratuite che offrono una azione formativa e sociale riguardo tutto ciò che un nonno deve sapere per affrontare al meglio le situazioni che possono crearsi quando accudisce un nipotino e per prevenire malattie pediatriche e obesità. E’ nato grazie a un protocollo d’intesa con il Comitato locale della Croce Rossa Italiana e ci è stato richiesto proprio dai nonni: molti, tra i nostri 1650 iscritti, sollecitavano corsi e aggiornamenti su sicurezza e prevenzione.

Nonni a scuola di bimbi. Locandina

I nonni possono vantare senza dubbio la doppia esperienza di genitori, ma la gioia di accudire i nipoti spesso si carica di preoccupazioni forti, anche maggiori di quelle che si avevano con i propri di figli. La maggioranza dei nostri iscritti, soprattutto nel caso delle nonne, è impegnata con i nipoti a tempo pieno. Per questo abbiamo chiesto alla presidente della Croce Rossa di Ascoli, Cristiana Biancucci, di collaborare a un progetto comune e gli operatori hanno creato ad hoc questo programma”.

Si parte domani con la prima di una seria di lezioni che si terranno, dalle 15.30, nella sede del comitato locale della Croce Rossa picena. L’appuntamento del 4 marzo sarà sul primo soccorso pediatrico e sulla corretta chiamata al 118. Il 9 marzo, si parlerà di come riconoscere intossicazioni o avvelenamenti, il 15 marzo si terrà la lezione su stati febbrili e manovre corrette in caso di traumi e ferite, con l’ausilio di truccatori della Cri che faranno vedere da vivo agli allievi come potrebbe presentarsi una ferita e come intervenire. Il 18 marzo gli operatori sanitari spiegheranno quali sono le manovre di disostruzione delle vie aeree pediatriche, anche in questo caso con prove pratiche utilizzando manichini su cui esercitarsi concretamente. Conclude il corso la lezione sulla corretta e sana alimentazione con i consigli di un alimentarista.

- “Quello del nonno – precisa Luigi Passaretti, presidente provinciale della Cna Picena – oltre che affettivo e familiare è ormai anche un ruolo fondamentale per l’economia delle famiglie. Anche per questo lavoriamo per supportare e sostenere questa figura”.
“Molto di quello che devono fare – spiega la presidente Cri, Cristiana Biancucci – lo sanno per esperienza. Noi come Croce Rossa offriremo, è nostro auspicio qualcosa in più con approfondimenti tecnici e operativi avvalendoci di volontari adeguatamente formati e figure sanitarie oltre a specialisti nel campo della nutrizione”.
“Completeremo le lezioni – conclude il direttore provinciale Francesco Balloni – con la preparazione e la successiva distribuzione di possibili merende sane e genuine. Un modo per collegare anche la nostra azione a quel mangiar sano di cui i nostri artigiani del settore agroalimentare sono baluardo e, non ultimo, un modo per creare aggregazione fra tutti coloro che parteciperanno a queste lezioni”.
“Cna e Comitato locale della Croce Rossa di Ascoli - si legge in una nota - avviano così un percorso in sinergia che avrà queste lezioni per i nonni solo come prima tappa. L’intenzione è quella di utilizzare anche la rete capillare che la Cri ha sul territorio per offrire sia agli anziani che a chi si trova in particolari situazioni di bisogno e difficoltà, tutti i servizi che l’Area sociale della Cna può mettere in campo”. (Teresa Valiani)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Anziani

Stampa Stampa