:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Violenza sulle donne, in Toscana 15mila accessi al pronto soccorso col codice rosa

Ogni anno sempre più vittime di violenza arrivano nei pronto soccorso della regione, dove trovano personale sociosanitario specializzato. L’assessore Saccardi: “Il progetto toscano ha fatto strada in Italia e in Europa”

07 marzo 2017

FIRENZE – Codice rosa, in Toscana quasi 15 mila casi in cinque anni. Sono i numeri del pronto soccorso riservato alle vittime di violenza. Nel 2016, gli accessi per codice rosa nei pronto soccorso toscani sono stati in tutto 3,451, di cui 2.938 adulti, nella stragrande maggioranza donne (2.802 maltrattamenti, 111 abusi, 25 stalking) e 513 minori. Nel 2015 gli accessi erano stati 3.049: 2.623 adulti e 426 minori. Nel 2015 sono state 3.049, nel 2014 3.268, nel 2013 2.998 e nel 2012 1.455. Un incremento piuttosto graduale anno dopo anno.-

Il percorso del codice rosa parte da una stanza dedicata all’interno del pronto soccorso, nella quale accedono tutti gli specialisti che dovranno visitare la paziente. Il suo punto di forza è una task force interistituzionale, una squadra formata da personale socio sanitario, magistrati, ufficiali di polizia giudiziaria.

“Il codice rosa è un progetto nato in Toscana – ha detto l’assessore regionale alla sanità Stefania Saccardi – che ha fatto ad apripista diffondendosi poi in tante altre regioni. Dal 2014 è diventato un protocollo nazionale e sta ora riscuotendo grande attenzione anche in Europa”.

© Copyright Redattore Sociale

Ti potrebbe interessare anche…

Stampa Stampa