:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

I postini insegnano agli anziani a usare il tablet

E’ l’iniziativa lanciata da Poste Italiane in Toscana, in via sperimentale. Il progetto si chiama “Poste c’è” e intende formare gli over 65 all’uso della tecnologia. I portalettere svolgeranno anche un’azione di contatto costante con il gruppo dei partecipanti, informandosi sulle loro condizioni generali

09 marzo 2017

FIRENZE – I postini insegnano agli anziani a usare l'iPad. E’ l’iniziativa lanciata da Poste Italiane in Toscana, in via sperimentale. L’iniziativa si chiama “Poste c’è”, un progetto grazie al quale l’azienda mette al servizio delle persone umanità, competenze e tecnologia digitale. Nello specifico, i portalettere consegneranno un Ipad in comodato d’uso agli anziani e, su appuntamento, andranno a casa a insegnare loro come si usa. Un insegnamento che, in futuro, potrebbe permettere agli anziani di sbrigare con più facilità e in via telematiche operazioni che avrebbero richiesto uno spostamento fisico, come ad esempio i bollettini postali.

Al lancio del progetto, realizzato in collaborazione con Ibm e Apple, hanno aderito 100 tra uomini e donne, nella maggior parte over 65, residenti nei Comuni di Empoli, Carmignano, Cerreto Guidi e Castelfiorentino. “Poste c’è” sperimenta un particolare servizio di prossimità e accompagna gli over 65 nel mondo della comunicazione digitale, formandoli all’uso dei dispositivi con i quali essere sempre connessi e collegati con i propri familiari. Proprio in questi giorni, i portalettere stanno consegnando un iPad a ciascuno dei partecipanti al progetto, che potranno scegliere un familiare cui consegnare un altro dispositivo Apple.

Il portalettere svolgerà anche un’azione di contatto costante con il gruppo dei partecipanti, si informerà sulle condizioni generali delle persone e le comunicherà successivamente ai loro familiari tramite la App, valorizzando ulteriormente il rapporto di relazione umana con la comunità.

Su ciascun dispositivo è attiva la App “Poste c’è” che consente ai partecipanti di accedere a servizi essenziali per comunicare in modo facile, parlare utilizzando Face Time, condividere fotografie. Tra le funzioni previste dalla App c’è anche un alert che ricorda ai partecipanti tutti gli impegni presi: l’appuntamento dal medico o dal dentista, un incontro con gli amici, la visita del vicino. Inoltre, grazie ad un sistema di geolocalizzazione, il senior potrà essere al corrente di tutte le iniziative culturali e di svago organizzate nei dintorni, con tanto di itinerario e indicazione dei mezzi pubblici da prendere per raggiungere la destinazione. I familiari dei partecipanti, anch’essi dotati di iPad, potranno entrare facilmente in contatto con i parenti e impostare per loro nuovi promemoria, ricevere informazioni sulle loro condizioni, visualizzare informazioni sulle attività giornaliere. Una maniera per spingere l’over 65 ad una vita attiva, sociale e divertente.

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Anziani

Stampa Stampa